13.9 C
Belluno
sabato, Gennaio 23, 2021
Home Cronaca/Politica 40mila euro ai Comuni di Vas e Quero per la raccolta differenziata

40mila euro ai Comuni di Vas e Quero per la raccolta differenziata

Dario Bond
Dario Bond

La raccolta differenziata nel Basso Feltrino vola oltre l’85%. Per questo la Regione ha stanziato 40 mila euro a favore dei comuni di Vas e Quero per l’acquisto di nuovi conteiners coperti per i centri comunali di raccolta rifiuti.

Ad annunciarlo è il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond dopo che la giunta regionale – su proposta dell’assessore all’ambiente Maurizio Conte – ha finanziato alcuni interventi di valenza ambientale con i fondi derivanti dal tributo per il deposito in discarica dei rifiuti solidi.

“Sono interventi importanti perchè vanno a incidere su una delle nostre più grandi ricchezze, l’ambiente. Risorsa specifica e non localizzabile”, commenta Bond. “Non solo. Questi contributi vanno a incentivare quelle amministrazioni virtuose nella gestione dei rifiuti che con questi finanziamenti possono ulteriormente migliorare”.

Bruno Zanolla
Bruno Zanolla

E questo è proprio l’obiettivo dei due comuni di Quero e di Vas che da tempo hanno avviato il processo di fusione: “In questi ultimi anni, grazie anche alle sinergie con la Comunità montana feltrina, abbiamo fatto un deciso salto in avanti”, spiega il vicesindaco di Quero Bruno Zanolla. “Stiamo superando l’85 per cento di differenziata, un risultato eclatante se si pensa che solo pochi anni fa eravamo attorno al 60. Siamo riusciti a costruire un sistema solido ed efficace”.

In questo ultimo periodo sono state superate alcune criticità specifiche del comprensorio: “In questi anni abbiamo portato avanti una campagna di sensibilizzazione espressamente dedicata alla popolazione immigrata, che da noi tradizionalmente ha percentuali elevatissime. Siamo riusciti a farci capire in tutte le lingue e la risposta, dopo alcune difficoltà iniziali più che comprensibili, è stata positiva”.

Ad aiutare è anche la diminuzione di un fenomeno molto diffuso nelle piazzole ecologiche “di confine” (soprattutto con l’Alto Trevigiano), quello del “turismo dell’immondizia”: “Da quando abbiamo cambiato il nostro sistema di raccolta e potenziato i controlli con i sistemi di videosorveglianza la situazione è sensibilmente migliorata”, continua Zanolla.

“Sul fronte della raccolta differenziata sono stati fatti passi da gigante”, conclude, dal canto suo, Bond. “Si tratta di andare avanti con convinzione su questa strada”.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Ultime dai carabinieri. Truffa internet, denuncia per imbrattamento, furto

I carabinieri di Arabba hanno deferito in stato di liberta per il reato di truffa in internet R.M. 56enne di Brescia. Lo scorso 18...

Maltempo. Neve, allagamenti e detriti. Situazione in miglioramento

  Belluno, 23 gennaio 2021 - Aggiornamento ore 15.00 - La perturbazione è in fase di esaurimento e le precipitazioni sono in attenuazione. Entro la...

Incarcerato pluripregiudicato residente a Santa Giustina

Nel tardo pomeriggio di ieri il carabinieri di Santa Giustina hanno arrestato Minute Bruno, pluripregiudicato, nato il Bulgaria il 25.12.1992 e residente a Santa...

Ora di religione. Ecco cosa sta succedendo nella scuola pubblica

Tre mesi fa Tar del Lazio, con sentenza n. 10273/2020 ha accolto il ricorso dell'UAAR  (Unione degli atei e degli agnostici razionalisti) ed ha...
Share