13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 17, 2021
Home Cronaca/Politica Fermare il Declino sulle piazze bellunesi con le loro 10 proposte

Fermare il Declino sulle piazze bellunesi con le loro 10 proposte

Fare per Fermare il Declino inizia la sua corsa anche con rappresentanti della provincia di Belluno, ben 4 candidati, di cui uno al Senato (Mario Marchese) e tre alla Camera (Rudi De Gasperin, Maria Teresa Bighi, Maria Enrica Lion).

 

Rudi De Gasperin
Rudi De Gasperin

“ Nelle ultime settimane abbiamo cominciato a presentarci in diverse piazze della provincia con gazebo per la raccolta delle firme – afferma Rudi De Gasperin, candidato alla Camera Veneto 2 – abbiamo raccolto più firme di quanto si potesse immaginare, un vero successo. Sicuramente questo è il risultato del grande impegno di tutte le persone che costituiscono il Comitato Belluno, che con partecipazione e grande entusiasmo hanno cominciato a dialogare con i bellunesi che si sono dapprima avvicinati e poi, condiviso e appoggiato le 10 proposte che sono alla base del nostro progetto politico”.

Inoltre, continua De Gasperin – “qualche giorno fa ho avuto modo di confrontarmi maggiormente con Oscar Giannino in occasione di una riunione a Roma, ed è stata un’ulteriore conferma di essere in sintonia con la lista Fare per fermare il Declino, proprio per la chiarezza delle proposte, che se applicate cambieranno la situazione del nostro Paese per il meglio.

Personalmente sono un imprenditore di Sedico, padre di tre figli e da operatore economico e padre di famiglia non posso stare alla finestra e attendere che questo Nostro Paese non abbia un futuro positivo. Perché è un dovere di tutti rendere lo Stato più efficiente, snello e al servizio dei cittadini. Da imprenditore…ritengo che per rilanciare crescita e occupazione sia prioritario ridurre la pressione fiscale: in Italia c’è uno dei più alti livelli di tassazione del mondo – stimato attorno al 45% del PIL -il che riduce le possibilità di spesa degli individui, contraendo così i consumi e rendendo meno conveniente l’avvio di nuove attività e l’assunzione di personale. Ma bisogna anche, liberalizzare un mercato e ciò significa rimuovere gli ostacoli in particolare quelli di natura normativa e fiscale che impediscono la libertà di ingresso e organizzazione dell’attività imprenditoriali”.

E conclude – “Noi bellunesi non siamo abituati ne gradiamo le chiacchiere soprattutto se vuote di contenuti, siamo gente che Fà! Per questo ho trovato naturale collocazione politica nel partito del Fare”.

Per chi volesse costituire un nuovo comitato territoriale può rivolgersi direttamente a noi o mandare una email a: belluno@fidveneto.it

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Petizione al sindaco di Belluno: no alla strada a scorrimento veloce vicino a scuole e case

"Oggi abbiamo consegnato al Sindaco della nostra città 552 firme di cittadini che chiedono all’Amministrazione Comunale di lasciar decadere una volta per tutte il...

Vertice Provincia-Enel. Padrin: «Abbiamo parlato di fasce di rispetto, presidi territoriali e investimenti futuri. Grazie al ministro D’Incà per aver fatto da tramite»

A seguito dell'incontro a Roma di metà dicembre, la Provincia di Belluno ha tenuto venerdì scorso in videoconferenza una riunione con i vertici di...

Calalzo di Cadore, piano di sviluppo per l’area di Lagole. De Carlo: “Reperire risorse per la gestione e un concorso di idee per sostenere...

Il Comune di Calalzo di Cadore punta ancora forte sull'area di Lagole: "Stiamo lavorando a un progetto che ne migliori la fruibilità e ci...

Video del Soccorso alpino e Cai: “Scegliete un’altra montagna, meno rischiosa ma non meno coinvolgente”

Milano, 16 gennaio 2020  "Scegliete un'altra montagna: meno rischiosa, ma non meno coinvolgente". Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico e il Club alpino italiano...
Share