13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 26, 2021
Home Lettere Opinioni Il Registro comunale per le dichiarazioni anticipate di trattamento è una risorsa...

Il Registro comunale per le dichiarazioni anticipate di trattamento è una risorsa per i medici e i cittadini e non necessita di alcuna legge per essere applicato

Come cittadino e come professionista impegnato da 30 anni nella gestione sia clinica che etica delle complesse problematiche poste dai pazienti più critici, desidero esprimere pieno apprezzamento e un personale ringraziamento al Consiglio Comunale di Belluno per l’approvazione della Delibera istitutiva del Registro per le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento.

La delibera consente a qualsiasi cittadino di poter autenticare e registrare un documento in cui egli esprime le proprie preferenze circa i trattamenti sanitari che desidera o rifiuta, una volta giunto nelle fasi finali della vita, quando cioè egli è estremamente vulnerabile e per il medico è spesso difficile ricostruirne le volontà e rispettarne l’autonomia.

La delibera consente l’attuazione di quanto prospettato dal Comitato Nazionale di Bioetica sin dal 2003, e cioè che le dichiarazioni per avere valore bioetico debbano essere scritte, datate, autenticate, compilate da un soggetto libero, informato e consapevole sia delle decisioni da lui assunte, sia della revocabilità e modificabilità delle stesse in qualsiasi momento, meglio se assistito da un medico.

La delibera prende inoltre atto del parere espresso all’unanimità dal Comitato Etico per la pratica clinica dell’ULSS 1 il 13/11/2012, che ne ha condiviso l’impostazione di fondo.

Così come ben sappiamo noi operatori sanitari, è importante che anche i cittadini sappiano che non è necessaria alcuna legge affinché le disposizioni anticipate di trattamento, se ben documentate, vengano rispettate: infatti, rispettarle è un preciso dovere deontologico dei medici e degli infermieri, in coerenza con quanto affermato nell’articolo 32 comma 2 della Costituzione Italiana. “nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge”.

Dr. Davide Mazzon – Vicepresidente Comitati Etici Regione Veneto e ULSS 1

Direttore Dipartimento Chirurgico e Unità Operativa Anestesia e Rianimazione Ospedale di Belluno

Share
- Advertisment -

Popolari

Elettrodotto Polpet-Scorzè. Comitati veneti: si faccia con interramento e schermatura cavi lungo l’A27

In merito all'incontro di domani, 27 gennaio 2021, del Gruppo Tecnico istituito dalla Regione Veneto, per verificare con i territori, le politiche e i...

Oggi la commemorazione del 77mo anniversario della battaglia di Nikolajewka

Belluno, 26 gennaio 2021  -  Si è tenuta oggi, presso il Monumento dedicato ai Caduti e Dispersi in Russia, al Parco Città di Bologna, la...

Amici della bicicletta: no al proseguimento della strada interna della Veneggia attraverso il quartiere di Cavarzano

FIAB Belluno, in quanto portatore d’interesse nei confronti del P.A.T. (Piano di Assetto Territoriale), segue con particolare attenzione il dibattito sul proseguimento della strada interna della...

Elettrodotto. Il Comitato Valbelluna invita al confronto il neo Comitato Terna

Leggiamo oggi con stupore sulla stampa locale la nascita del primo comitato in Italia a sostegno di Terna e contro l'interramento delle linee. Lo...
Share