13.9 C
Belluno
lunedì, Gennaio 18, 2021
Home Cronaca/Politica Messaggio al vecchio Pdl da Michele Carbogno: "Mai più il nostro voto...

Messaggio al vecchio Pdl da Michele Carbogno: “Mai più il nostro voto a chi ha contribuito allo sfascio del territorio”

Michele Carbogno
Michele Carbogno

I dissensi interni del centrodestra hanno già fatto cadere la testa prima del presidente della provincia Bottacin, poi del sindaco Prade. E ora arriva un nuovo avviso di Michele Carbogno per le politiche 2013. Nella nota non si fa espressamente il nome del destinatario, ma è facile leggere tra le righe il profilo dell’onorevole Paniz. Che però, porcellum permettendo e collegio elettorale permettendo, potrebbe anche snobbare la minaccia.

“Con l’accelerata degli ultimi giorni verso le politiche, insieme alla legge elettorale e altri provvedimenti minori, salta anche la conversione in legge del decreto sulla riorganizzazione delle province”. Lo dice in premessa Michele Carbogno, ex vicepresidente della provincia e leader del Movimento Belluno Protagonista.

“Poco male obbietterà qualcuno, in fondo si torna allo status quo; e in effetti – prosegue Carbogno – nel resto d’Italia sarà così, ma non a Belluno perché questo potrebbe significare una proroga del commissariamento di un altro anno e mezzo.

Con tutto il rispetto per il lavoro del commissario, che nel suo ruolo fa ciò che può nei limiti delle leggi e della capacità finanziaria, ma il bellunese non può non vivere con disagio il perpetrarsi dell’assenza di un ente che, aldilà delle competenze in materie specifiche, dovrebbe assurgere a guida simbolica e non solo dell’intero territorio.

Per questo già un anno fa qualcuno avrebbe dovuto pensarci non una ma cento volte prima di dare il là a quella caduta della provincia che, appare oggi di tutta evidenza, è servita solo al capriccio di pochi, ma per le nostre vallate è stata assai dannosa.

Come dissi già tempo addietro – sottolinea Michele Carbogno –  se agli esponenti del centrosinistra va comunque data l’attenuante di essere stati forza d’opposizione all’interno della vecchia provincia e di aver semplicemente profittato dello sbandamento politico della maggioranza, rimane invece per me inaccettabile l’atteggiamento di parte del Pdl, che scelse non per ragioni politiche ma un po’ per livore e un po’ per invidia.

Chi materialmente col proprio voto dichiarò la fine di quell’esperienza ha già avuto modo di pesare il suo gradimento alle ultime elezioni amministrative; chi invece ne fu il regista ancora per qualche mese potrà godere della nomina a parlamentare.

Vedremo nei prossimi giorni cosa accadrà nel centrodestra, cosa nascerà dalle ceneri del Pdl, ma soprattutto chi saranno i rappresentanti locali delle nuove forze nascenti. In queste settimane di incontri, le parole che Belluno Protagonista ha raccolto tra la gente con più frequenza sono state “sconcerto” per quello che sta succedendo e “speranza” di cambiamento.

Vedremo se ci sarà un nuovo slancio – conclude Carbogno –  o ci si affiderà ancora alle solite vecchie facce. Una cosa comunque è certa: il nostro voto non andrà mai a chi ha contribuito allo sfascio del territorio”.

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Marcolin Group: Roberta Viganò è la nuova responsabile della comunicazione

Marcolin Group comunica oggi la nomina di Roberta Viganò in qualità di Marketing Communication Manager. A diretto riporto del Marketing, Communication & Events Director Matteo...

Allarme dei sindaci agordini per l’economia turistica. De Carlo: “Preoccupazione condivisibile. I sindaci non sostengono un governo che guarda solo alle poltrone”

“Il ministro D'Incà qualche settimana fa diceva di avere il sostegno dei sindaci bellunesi. Si vede che, oltre a non aver parlato con me,...

Zanoni (PD): “Animali selvatici stremati da un mese di neve e ghiaccio. Zaia fermi la caccia in tutta la Zona Alpi, lo prevede la...

"Nelle nostre montagne la neve ghiacciata e indurita presente da settimane, accompagnata da temperature polari, sta mettendo a rischio migliaia di animali ormai stremati...

Sopralluogo nelle ski aree. Bortoluzzi e De Toni: «Il sistema è in sofferenza. Per questo abbiamo varato la manovra da 500mila euro per gli...

Il turismo invernale è in netta difficoltà. E la Provincia ha voluto verificare la situazione. Nei giorni scorsi, i consiglieri provinciali Danilo De Toni...
Share