13.9 C
Belluno
domenica, Febbraio 28, 2021
Home Cronaca/Politica Giovani padani Dolomiti Belùn in visita a Strasburgo a sostenere il diritto...

Giovani padani Dolomiti Belùn in visita a Strasburgo a sostenere il diritto di autodeterminazione. Un tema caro a Calderoli, che non convince però il presidente dell’Unione europea Schulz

I giorni 11,12 e 13 Dicembre, una delegazione del movimento Giovani Padani Dolomiti Belùn si recherà a Strasburgo per visitare e conoscere il Parlamento Europeo. “Questa sarà l’occasione, insieme ai nostri europarlamentari Veneti Bizzotto, Fontana e Scottà e con la partecipazione del Segretario Federale della Lega Nord Roberto Maroni – scivono in una nota il coordinatore dei Giovani padani Dolomiti Belùn Alessandro Zorato e il segretario provinciale della Lega Nord Diego Vello – di sostenere le tematiche inerenti alle autodeterminazioni locali per un futuro di un’Europa dei popoli”.

Cosa sono le autodeterminazioni lo spiegò un anno fa il senatore Roberto Calderoli intervenendo a Villa Riva Berni a Bagnolo San Vito, la vecchia sede del “Parlamento del nord” in occasione della sessione del nuovo “Parlamento della Padania” da lui stesso presieduto: “Tra la secessione e il federalismo esiste una terza via – disse – quella dell’ autodeterminazione di popoli, diritto garantito dalla comunità internazionale”. Secondo il teorico della Lega, questo diritto di autodeterminazione andrebbe richiesto all’Onu, dopodiché il passo successivo sarebbe quello di raccogliere un milione di firme per modificare la Costituzione e trasformare l’Italia in una Repubblica federale. Sempre dinanzi al “Parlamento della Padania” Calderoli aggiunse “Vogliamo applicare anche da noi quello che ci chiede l’Europa, e cioè di spendere solo quanto incassiamo. Quindi, servirà un doppio bilancio, una secessione economica: uno in pareggio del nord e l’altro, altrettanto in pareggio, di chi resta fuori. Siamo stufi di pagare anche per gli altri”.

Dall’europeismo della Lega Nord, però, prese le distanze il 2 luglio del 2003 l’allora deputato europeo tedesco Martin Schulz e futuro presidente di turno dell’Unione Europea. Che aveva attaccato l’antieuropeismo della Lega Nord e aveva chiesto al premier italiano Berlusconi che idee avesse per accelerare “la creazione di una procura europea” e “l’introduzione del mandato di arresto europeo”.

Ed è sempre il presidente dell’UE Schulz, che alla vigilia di una possibile nuova alleanza Lega – Pdl, liquida il ritorno in campo di Berlusconi come una minaccia per l’Italia e per l’Ue, “che hanno bisogno di stabilità”.

Share
- Advertisment -

Popolari

L’assessore Lanzarin risponde sui 52 milioni destinati alle Ulss venete, esclusa Belluno

Dopo le varie proteste per i mancati stanziamenti della Regione Veneto all'Ulss 1 Dolomiti (nulla dei 52 milioni), nell'ordine, quella del sindaco di Belluno...

Italia Polo Challenge. Questa mattina la sfilata in centro Cortina preceduti dai carabinieri a cavallo

Italia Polo Challenge, evento che conferma il polo ‘on snow’ tra gli appuntamenti sportivi più attesi di Cortina d’Ampezzo, prosegue, seppure a porte chiuse,...

Attraversamenti faunistici. De Bon: «Obiettivo sicurezza, per gli automobilisti e per gli animali»

Provincia di Belluno e Veneto Strade sono al lavoro per prevenire gli incidenti stradali che coinvolgono la fauna selvatica. Negli ultimi vent'anni infatti sono...

Il saluto al nuovo direttore generale dell’Ulss 1 Maria Grazia Carraro

L’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Belluno dà il benvenuto alla dottoressa Maria Grazia Carraro, che per i prossimi 5 anni sarà...
Share