13.9 C
Belluno
giovedì, Giugno 8, 2023
Home Prima Pagina Pronto soccorso: a Belluno, Agordo e Pieve di Cadore arrivano i monitor,...

Pronto soccorso: a Belluno, Agordo e Pieve di Cadore arrivano i monitor, dove il paziente può vedere la lista di attesa

Nuovi monitor nelle sale di attesa delle Unità Operative di Pronto Soccorso di Belluno, Agordo e Pieve di Cadore.

La Regione del Veneto ha destinato alle Aziende Sanitarie un finanziamento per interventi mirati alla gestione della fase di attesa nei Pronto Soccorso.

L’Azienda ULSS n. 1 ha ottenuto il finanziamento, accordato solo a tre Aziende Sanitarie, presentando uno specifico progetto di installazione di monitor nella sale di attesa delle tre Unità Operative di Pronto Soccorso di Belluno, Agordo e Pieve di Cadore, in rete tra loro.

Sui monitor è visibile in tempo reale, oltre alla chiamata automatizzata dell’utente in attesa, l’attività in corso, l’afflusso dei pazienti, la propria posizione all’interno della lista e i tempi medi di attesa divisi per codice colore per ogni singola sede di P.S..

I dati sono altresì contestualmente visibili sul sito internet aziendale www.ulss.belluno.it; ciò permette al cittadino con una patologia non urgente, di conoscere prima di recarsi al Pronto Soccorso, la situazione di afflusso nelle diverse sedi, con una stima del possibile tempo di attesa e decidere di rivolgersi spontaneamente nella sede con minore attesa.

 Il ruolo del Servizio di Pronto Soccorso nell’attuale organizzazione impone la presa in carico di tutti i pazienti con una corretta classificazione del livello di gravità, l’effettuazione degli approfondimenti clinico diagnostici necessari, la gestione dell’iter dei ricoveri e la gestione in sicurezza degli accessi incongrui.

Tutto questo può comportare un possibile allungamento dei tempi di attesa per le prestazioni meno urgenti. Per tale motivo si è ravvisata la necessità di un’informazione corretta e trasparente rivolta ai pazienti, che possono comprendere l’effettivo lavoro che si sta svolgendo all’interno dell’area sanitaria del P.S., difficilmente percepito correttamente da chi sosta nella sala di attesa.

In particolare sui monitor installati nelle tre sale di attesa sono disponibili agli utenti le seguenti informazioni in tempo reale:

numero dei pazienti in attesa suddivisi per codice colore con l’orario di accoglimento;

numero di casi in gestione suddivisi per codice colore;

lista dei pazienti in attesa suddivisi per stato di avanzamento (es. primo accesso, ritorno da esami diagnostici o consulenze ecc.);

tempo medio di attesa per codice colore misurato sugli accessi delle ultime 2 ore;

numero di pazienti presi in carico da ciascun Pronto Soccorso nelle ultime 24 ore;

codice di chiamata per l’accesso negli ambulatori nel rispetto della privacy individuale.

Le stesse informazioni sono viste anche dall’operatore di triage sulla propria postazione fissa.

Il sistema, attivo già da qualche mese, ha portato un’importante innovazione nell’ambito della comunicazione ed ha ridotto le situazioni di disagio e di conflittualità che incidono negativamente sull’ armonia relazionale tra operatori e fruitori.

Share
- Advertisment -

Popolari

Mask to ride, il tour di Alvaro Dal Farra si chiude a Belluno l’11 giugno

Dopo Sedico (Bl), Sirmione (Bs), Chiavari (Ge), Lucca, Sassari, Marina di Schiavonea (Cs), Marina di Pizzo (Vv), San Giovanni Rotondo (Fg), Roseto degli Abruzzi...

Grave l’escursionista recuperato nella notte a Ronchetto di Domegge

Domegge di Cadore (BL), 08 - 06 - 23   Sono molto gravi le condizioni di un escursionista recuperato nella notte il località Ronchetto, distante...

La sindaca di Pieve di Cadore Manushi incontra il presidente dell’Anas

Pieve di Cadore, 7 giugno 2023 - "Al termine della riunione che si è svolta a Pieve di Cadore nel corso della mattinata odierna,...

Pista da bob Cortina 2026. Cristina Guarda (EV): “Opzione Innsbruck mai presa seriamente in considerazione”

"Il Presidente Zaia e il Commissario Sant'Andrea omettono le reali condizioni della Pista di Innsbruck". La consigliera regionale Cristina Guarda (Europa Verde) interviene così sulla...
Share