13.9 C
Belluno
domenica, Novembre 29, 2020
Home Prima Pagina Perito per le industrie dell'occhiale. Confindustria Belluno Dolomiti e Iti Girolamo Segato...

Perito per le industrie dell’occhiale. Confindustria Belluno Dolomiti e Iti Girolamo Segato attivano un nuovo indirizzo di studi

Itis “G.Segato” di Belluno

Confindustria Belluno Dolomiti, facendosi promotrice delle esigenze delle aziende dell’occhialeria, per il nuovo anno scolastico 2012-2013 ha ottenuto l’istituzione di un indirizzo di studi volto alla creazione di un “perito per le industrie dell’occhiale”. Tale richiesta è stata accolta dall’Istituto Tecnico Industriale Girolamo Segato di Belluno e dalla Commissione d’ambito e – dopo un lungo iter che ha ricevuto l’approvazione del Miur – è stata inserita come percorso scolastico.

L’attivazione di questa specializzazione è partita quest’anno e sono già dodici gli studenti iscritti tra questi anche tre ragazze, un percorso che piace anche al mondo femminile e che rappresenta un’opportunità in più anche per le allieve che vogliono avvicinarsi alle materie tecniche.

Un gruppo di lavoro composto da Angelo Da Col di Safilo, Giuliana La Grasta e Aldo Bortot di Luxottica, Enzo Da Rin e Bortolo Simonetti di Marcolin, sta collaborando attivamente con gli insegnanti dell’Iti Segato per definire all’interno del piano di studi già approvato, le conoscenze e competenze richieste dalle industrie dell’occhiale, con lo scopo di avvicinare il mondo della conoscenza a quello dell’impresa. Saranno presentati i processi più innovativi recentemente adottati in fase di produzione e gli studenti saranno ospitati in azienda attraverso un programma intensivo di alternanza scuola lavoro.

Il primo step è già partito il mese scorso con la visita in alcune aziende della zona industriale di Quero. Pinoptick, Arlecchino e Ideal hanno aperto le loro porte e hanno condotto gli allievi attraverso un intero ciclo produttivo per la realizzazione di un occhiale in plastica e uno in metallo e hanno dimostrato loro come attraverso un’analisi approfondita dei materiali e dei componenti si possa creare un prodotto sempre più all’avanguardia e pronto a soddisfare le esigenze del cliente finale.

L’attivazione di questa “specializzazione” è un unicum in Italia e rappresenta un caso di collaborazione fattiva tra scuola e impresa e che rende la didattica scolastica più aggiornata e al passo con le esigenze delle aziende.

Le industrie dell’occhiale necessitano infatti di figure tecniche intermedie in grado di assistere i tecnici specializzati nella fase relativa alla ideazione, progettazione e sviluppo del prodotto finale al fine di apprendere sul campo il processo di industrializzazione dell’occhiale. Questa figura è molto diversa da quella che viene formata negli Istituti Professionali di Ottica (profilo sanitario) e nei Licei Artistici, in quanto maggiormente specializzata nell’ambito meccanico-meccatronico.

Le aziende che hanno partecipato al gruppo di lavoro che ha portato avanti con successo l’iter per l’istituzione di questo nuovo percorso di studi sono: Luxottica srl, Marcolin spa, Safilo spa, Look Occhiali srl, Martini Occhiali srl, D.F. srl.

Share
- Advertisment -

Popolari

Belluno, controlli anticovid del sabato sera. Assembramenti in via Sottocastello. Sanzionati due locali

Continuano in modo serrato i servizi straordinari interforze di controllo del territorio disposti in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica...

Centralizzazione delle concessioni idroelettriche. De Carlo: “Strategia contro il territorio che annulla ogni forma di rappresentanza”

“La proposta di centralizzazione delle concessioni idroelettriche avanzata dal Partito Democratico fa parte di una strategia contro il territorio che punta ad annullare ogni...

Idroelettrico. Bond (FI): «Il tentativo di romanizzare le grandi concessioni è scandaloso. Mi opporrò senza se e senza ma»

«Chi vuole riproporre la centralizzazione della gestione idroelettrica fa il male della montagna. Il tentativo di espropriare i territori delle loro ricchezze, in questo...

Centralizzazione delle concessioni idroelettriche. Bona: “Il governo punisce la montagna”

«Si è capito che questo governo ce l'ha con le regioni e con i territori periferici. Dopo il silenzio sull'autonomia, dopo i tentativi di...
Share