13.9 C
Belluno
martedì, Maggio 21, 2024
HomeCronaca/PoliticaEuroregione. Cota, Gibelli, Zaia: "Oggi il primo passo istituzionale per una riforma...

Euroregione. Cota, Gibelli, Zaia: “Oggi il primo passo istituzionale per una riforma epocale”

Luca Zaia

“E’ senza dubbio una riforma epocale, e per questo è fondamentale sia sostenuta e proposta dagli enti locali. Una svolta che quindi non poteva non partire dalle Regioni del Nord, che fanno da traino all’intero paese”. Lo affermano i Governatori del Piemonte e Veneto, Roberto Cota e Luca Zaia, e il vicepresidente della Regione Lombardia, Andrea Gibelli, in merito alla mozione presentata questa mattina nei Consigli Regionali di Lombardia, Piemonte, Veneto e Friuli-Venezia Giulia. Nello specifico si tratta del primo passo istituzionale nella direzione già annunciata dal Segretario Federale della Lega Nord, Roberto Maroni, di concretizzare il progetto di una “Euroregione, in risposta all’esigenza sempre più avvertita dai cittadini e dai territori” di istituire “nuove ed innovative forme di cooperazione tra regioni ed un ambito istituzionale di coordinamento sovraregionale”.

“La riforma – continuano Cota, Zaia e Gibelli – si basa essenziale su un riequilibrio tra le Regioni delle risorse fiscale, che nel concreto si attuerà garantendo il mantenimento sul territorio di una quota non inferire al 75% delle imposizioni tributarie. Questo perché il sistema attuale sta soffocando le imprese e i cittadini del Nord che per troppo tempo hanno pagato le inefficienze del resto del paese. E’ evidente, infatti, che questo progetto si basa su una specifica equazione: più Nord e meno Sud”. “Per la Lega – proseguono – la collaborazione tra le Regioni del Nord è già nei fatti da anni, ma è arrivato ormai il momento di dare a questi fatti concreti anche una veste istituzionale”.

“L’Euroregione – spiegano ancora Cota, Gibelli e Zaia – è la soluzione per il Nord, laddove lo stesso Nord riesca a prendere completamente coscienza di sé'”. “Ci auguriamo quindi – concludono – che la mozione presentata dai gruppi consiliari leghisti abbia un’approvazione ampia dai parte delle assemblee legislative”.

 

- Advertisment -

Popolari