13.9 C
Belluno
martedì, Ottobre 20, 2020
Home Meteo, natura, ambiente, animali Compromessa tutta la produzione di fagioli * di Laura Solinas

Compromessa tutta la produzione di fagioli * di Laura Solinas

Spettabile redazione, ho seguito con in interesse la copertura che avete dato alla grave situazione in cui versa la coltivazione dei fagioli in Valbelluna. { naturale che la scorsa settimana l’attenzione si sia concentrata sui Lamon, i cui produttori sono stati coraggiosi e bravi nel riuscire a fare la tradizionale festa.

Come rappresentante dei produttori di fagiolo Gialet della Valbelluna – presidio Slow food, ci tengo a far presente che il problema è di tutti i fagioli. Oltre alle ottime cultivar di Lamon ci sono diverse altre varietà di assoluto pregio, in fase di riscoperta e moltiplicazione, che proprio per l’esiguità delle coltivazioni rischiano di scomparire. Alcune hanno rilievo internazionale come i Gialét, anche grazie al riconoscimento come presidio Slow Food; il Bonel è stato recentemente riconosciuto “a rischio di erosione genetica” dalla Regione; i bala rossa hanno appassionati estimatori non solo in valle; altre ancora sono ecotipi localissimi, rari e di antica tradizione, realmente a rischio di estinzione.

Il fatturato che generano direttamente è piccolo, anche se alcuni coltivatori che coraggiosamente avevano puntato su questa coltura si trovano con perdite molto elevate. Il fattore di leva come supporto al territorio – diversificazione agricola, gastronomia, turismo – è elevato, soprattutto il turista si aspetta già di trovare specialità non reperibili altrove, e non fargliele trovare farebbe perdere molto più dell’investimento necessario a tamponare la situazione ora, e soprattutto a elaborare un piano per uscirne, e proteggersi meglio dai cambiamenti climatici che iniziano a colpire anche qui.

Invito quindi anche politici e cittadini a riconoscere quello che molto responsabilmente abbiamo fatto in qualità di coltivatori: ci siamo uniti per cercare di mettere a punto soluzioni comuni, perché il problema riguarda la coltivazione tutta del fagiolo in valle.

Le misure da prendere devono riguardare tutti i coltivatori, compresi – con ovvie graduazioni -anche gli orti famigliari: altrimenti vanificheremmo l’eccellente lavoro che molti sono decisi a intraprendere per non abbandonare questo tipo di coltivazione. L’individuazione delle azioni ha bisogno di un supporto tecnico per elaborarne di realmente efficaci e mirate, e politico per sostenere anche economicamente questo sforzo, che riteniamo sia da considerare un investimento i cui effetti verranno goduti da tutto il territorio.

Laura Solinas – Presidente Associazione per la tutela del fagiolo Gialét della Valbelluna – presidio Slow Food

Share
- Advertisment -


Popolari

Le migliori mete da visitare in autunno

L’autunno è una stagione perfetta per chi vuole andare in vacanza. A differenza dell’estate, infatti, permette di accedere a soggiorni con prezzi più contenuti....

Spettacoli di mistero delle Pro loco Bellunesi. Venerdì appuntamento a Belluno con i Castelli perduti e draghi dimenticati

Ritorna la rassegna "Veneto, spettacoli di mistero", promossa dall'Unpli Belluno nell'ambito delle iniziative di Unpli Veneto e Regione. Le Pro loco bellunesi non mancheranno...

Due positività al Comune di San Vito di Cadore. Ordinanza di chiusura e sanificazione degli uffici

A seguito della positività riscontrata a due dipendenti, il sindaco Emanuele Caruzzo ha disposto la chiusura degli uffici comunali di San Vito di Cadore...

Giornata Nazionale del Cane Guida 2020. Singolare esperienza in piazza dei Martiri, bendati guidati dai cani addestrati 

In occasione della Giornata Nazionale del Cane Guida che si celebra il 16 ottobre di ogni anno, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti...
Share