13.9 C
Belluno
sabato, Ottobre 24, 2020
Home Lettere Opinioni A chi giova la svendita di Dolomiti ambiente? * di...

A chi giova la svendita di Dolomiti ambiente? * di Stefano Messinese

Dolomiti Ambiente un altro pezzo di patrimonio pubblico sta per essere (s)venduto al “salvifico privato”. Così oltre al danno la beffa,dopo gli ingenti investimenti pubblici,ora che l’impianto è tecnologicamente avanzato, è in grado di essere efficiente e di produrre anche utili,si vende e questi benefici andranno a vantaggio del “privato”che, magari, se ne attribuirà anche i meriti.

Per dare sostanza a queste affermazioni bisogna fare una piccola e breve ricostruzione dei passaggi salienti degli ultimi 2 anni:

giugno 2010 Dolomiti Ambiente accende un mutuo di 6 milioni di euro per la realizzazione di un biodigestore scelta più che condivisibile sia in un ottica ambientale, sia energetica e fatta anche perché avrebbe prodotto utili per circa un milione e mezzo di euro ricavati dalla vendita dell’energia prodotta (l’impianto nel tempo si sarebbe ripagato da solo e poi gli utili sarebbero stati tutti dell’azieda che,essendo pubblica,sarebbero andati a vantaggio della collettività);

aprile 2011 l’impianto è ultimato e inizia una breve fase di collaudo e rodaggio;

luglio 2011 l’impianto è ufficialmente in rete e produttivo;

aprile 2012 la svolta: in applicazione della “Delibera del Commissario Straordinario del 7/2/2012, viene modificato lo statuto della società ( viene cancellato il comma 3 art 5 che garantiva la maggioranza azionaria pubblica) consentendo la vendita al privato, anche totale, della quota azionaria della Provincia.

Con questo passaggio si chiude il cerchio, a questo punto era chiaro a chiunque avesse voluto intendere quale sarebbe stato l’approdo finale di tale scelta.

Ma, purtroppo c’è sempre un MA , nessuno, tranne qualche eccezione che purtroppo non viene mai presa in considerazione, ha voluto capire ; salvo svegliarsi oggi, a pochi giorni dalla scadenza per la presentazione delle offerte, per denunciare il grave pericolo e i probelemi che verranno a crearsi per tutto il “Bellunese” con tale cessione.

Così non ci rimane che constatare come ancora una volta la classe politica e dirigente nostrana sia inconsistente e incapace di affrontare e risolvere (almeno tentare) per tempo i problemi che affliggono questo territorio, a danno di noi cittadini che come sempre saremo chiamati a pagare il conto sempre più salato per dei servizi che, nonostante i sostenitori delle privatizzazioni, sono e rimangono essenziali.

Infine una domanda: con quale criterio si è stabilito il prezzo di vendita di 1.999.348 euro ,quando solo il biodigestore,appena installato, vale 6 milioni di euro e sono stati stimati utili per un milione e mezzo di euro annui solo dalla vendita dell’energia prodotta ai quali andranno aggiunti i benefici che saranno prodotti dall’accordo con Veneto Agricoltura ? A chi giova tutto ciò???

Stefano Messinese

Share
- Advertisment -


Popolari

Un nuovo progetto per la segnalazione degli ostacoli al volo

La Provincia di Belluno coordinerà un nuovo progetto di mappatura e la segnalazione degli ostacoli al volo. Con un sistema innovativo di palette catarifrangenti...

Covid. Bond (FI): «Il governo distrugge economia e Natale in un colpo solo»

«Mercati settimanali sì, casette di Natale no. Il governo deve spiegarci perché questa differenza». È quanto afferma il deputato di Forza Italia, Dario Bond, sullo...

Comuni ricicloni, Ponte nelle Alpi primeggia: Dal Borgo: “Questo riconoscimento conferma il consolidarsi del progetto di raccolta differenziata” 

Il Comune di Ponte nelle Alpi è il più riciclone della provincia di Belluno. L'ufficialità arriva dal dossier di Legambiente.  In base alla produzione...

La sanità è preparata alla nuova ondata di contagi? * di Mauro De Carli

La domanda è sulla bocca di tanti, forse non si ha il coraggio di farla per la paura dell’incertezza di questo momento: “la Sanità...
Share