13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Arpav: avviata la riorganizzazione. Il personale degli ex laboratori di Belluno confluirà...

Arpav: avviata la riorganizzazione. Il personale degli ex laboratori di Belluno confluirà nel nuovo ufficio Biologia Ambientale dei Laghi Alpini

Riorganizzazione in vista  per i laboratori dell’Arpav di Belluno.  Sulla base del Piano triennale avviato dallo scorso luglio, infatti, il personale dell’ex-servizio laboratorio di Belluno andrà ad attivare uno specifico ufficio per la Biologia Ambientale dei Laghi Alpini. La nuova struttura è stata prevista in considerazione della specificità della Provincia di Belluno, caratterizzata dalla presenza di laghi alpini e di fonti di acqua dolce. Come precisa il direttore generale dell’Arpav  Carlo Emanuele Pepe nella nota che segue.

 “il Piano Strategico Triennale 2012-2014, approvato in via definitiva dalla Giunta Regionale con deliberazione n.213 del 17 aprile dopo un articolato iter di confronto in Consiglio Regionale, prevede fra le diverse misure ed azioni per la razionalizzazione della spesa (in una logica che oggi viene definita di spending review) una riorganizzazione del Dipartimento Regionale ARPAV dei Laboratori e, più in generale, di tutta l’organizzazione dell’agenzia.

Nello specifico – prosegue il dottor Pepe – , per i laboratori dell’agenzia, è prevista una riorganizzazione dell’attività su due principali poli (Verona e Venezia, quest’ultima con una “succursale” specialistica a Treviso), finalizzata ad una maggior efficienza generale del “sistema laboratori di ARPAV”, ad un maggior utilizzo della strumentazione, minimizzando quindi gli investimenti necessari per mantenerla sempre aggiornata.

Mentre per i territori di Venezia, Verona e – in sostanza – anche Treviso non vi sono variazioni operative; per Padova, Vicenza, Belluno e Rovigo i campioni raccolti dalle strutture territoriali di ARPAV o conferiti dalle ULSS o dai cittadini saranno consegnati ad uno specifico sportello aperto presso il DAP competente, analogamente a quanto avviene ora. Saranno i campioni a viaggiare, mantenendo inalterata la potenzialità di analisi laboratoristiche effettuate da ARPAV, necessarie per l’attività di monitoraggio e controllo ambientale del territorio veneto e finalizzate alla prevenzione per la salute collettiva.

La riorganizzazione dei Laboratori e quella più generale di ARPAV, come previsto dal Piano triennale 2012-2014 è già stata avviata dal 1 luglio 2012.

Nel caso specifico dell’ex-servizio laboratorio di Belluno, l’attività è stata riorganizzata secondo gli obiettivi strategici mentre il personale è stato finalizzato ad altre attività all’interno del Dipartimento Provinciale, sempre di Belluno.

In particolare – conclude il direttore generale dell’Arpav –  il Piano Triennale prevede che, per la specificità della Provincia di Belluno e considerata la presenza di laghi alpini e di fonti di acqua dolce che possono essere di interesse specifico nell’uso potabile ed irriguo, visto anche che il tutto è inserito in un contesto naturalistico, biologico ed ambientale di grande pregio riconosciuto dal profilo Unesco e dalla presenza di numerose riserve naturali e parchi, sia attivato un ufficio specifico per la Biologia Ambientale dei Laghi Alpini, a cui sarà destinato il personale con profilo laboratoristico proveniente dall’ex-Servizio Laboratorio locale”.

 

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Elisoccorso. Azienda Zero vince il ricorso al Tar, Elifriulia condannata al pagamento delle spese processuali

Con sentenza n.102 pubblicata il 13 ottobre 2020 il Tribunale amministrativo regionale del Veneto ha respinto per inammissibilità e per infondatezza il ricorso promosso...

Emergenza Covid, le direttive della Prefettura

Si è tenuta ieri 19 ottobre 2020, in videoconferenza, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto, Adriana...

Confcooperative Belluno e Treviso: i prodotti delle coop agroalimentari aiutano le famiglie bellunesi in difficoltà

L’associazione di categoria ha sposato il progetto “La povertà a casa nostra”, promosso da Insieme si può, in occasione di Scoop!: durante la festa...

Treviso nega il patrocinio al convegno di Crisanti. Zanoni: “Nello Zaiastan è vietato criticare il Doge”

Treviso, 20 ottobre 2020   "È vergognoso che la Giunta di Treviso ritiri il patrocinio a un convegno dell'Ateneo di Treviso sulla pandemia perché la...
Share