13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 4, 2023
Home Cronaca/Politica I 4 interventi di sabato del Soccorso alpino

I 4 interventi di sabato del Soccorso alpino

SOCCORSO SULLE TRE CIME DI LAVAREDO

Auronzo di Cadore (BL), 08-09-12 Partiti per salire sulla Grande delle Tre Cime di Lavaredo lungo la normale, un basejumper tedesco, E.V., 34 anni, e un’amica connazionale, S.S., 18 anni, hanno sbagliato percorso e si sono ritrovati in difficoltà fuori via. In particolar modo la ragazza, bloccata in un canale a 2.550 metri di altitudine, senza corde, una trentina di metri più sotto rispetto all’uomo, impaurita e incapace di proseguire. Una cordata di alpinisti della Germania, che scalava poco distante, si è accorta del problema e ha contattato il 118. L’elicottero del Suem di Pieve di Cadore, decollato per il sopralluogo, ha individuato subito gli alpinisti e in seguito i due incrodati. Con un verricello di 20 metri, il tecnico del Soccorso alpino di turno con l’equipaggio ha recuperato la ragazza, trasportata al rifugio Lavaredo, e in una seconda rotazione, con la stessa modalità, ha tratto in salvo anche il compagno.

Nei pressi del rifugio Carpi, sui Cadini di Misurina, i soccorritori di Auronzo sono invece intervenuti in aiuto di un’escursionista tedesca, I.S., 73 anni, infortunatasi a una caviglia. La donna, raggiunta in fuoristrada, è stata accompagnata a valle.

 

SOCCORSO SULLA CENGIA GABRIELLA

Auronzo di Cadore (BL), 08-09-12 Scendendo dalla Cengia Gabriella verso il rifugio Carducci, un’escursionista di Gemona del Friuli (UD), M.C., 65 anni, è caduta con conseguente trauma alla gamba. Il gruppo che era con lei ha dato l’allarme al 118 e sul luogo dell’incidente si è diretta l’eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore. Recuperata con un verricello di 15 metri poco prima delle 18, l’infortunata è stata trasportata all’ospedale di Belluno.

 

SCIVOLA SUL SENTIERO

Auronzo di Cadore (BL), 08-09-12 Durante l’avvicinamento a forcella Popena da Misurina lungo il sentiero 222, E.T., 46 anni, di Casale sul Sile (TV), è scivolata, rompendosi la caviglia. La donna, che stava andando a scalare con il marito, è stata raggiunta dall’elicottero del Suem di Pieve di Cadore a 2.150 metri di quota, reuperata con un verricello di 7 metri dal tecnico del Soccorso alpino di turno con l’equipaggio e trasportata all’ospedale di Cortina.

 

SCIVOLA E SBATTE CON IL VISO

Pieve di Cadore (BL), 08-09-12 Mentre scendeva con il marito dalla chiesetta di San Dionisio, una turista veneziana di 56 anni è inciampata, sbattendo con il viso su una radice e procurandosi un trauma al setto nasale. Dopo essere scesa al rifugio Antelao, la donna ha ricevuto le prime cure dal gestore, per poi essere raggiunta da una squadra del Soccorso alpino di Pieve di Cadore, che l’ha accompagnata all’ospedale.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Festival del benessere olistico, domenica 11 giugno a San Gregorio nelle Alpi

Domenica 11 giugno si svolgerà il primo Festival del Benessere Olistico organizzato dall'associazione di promozione sociale "Hana-Bi e lo spazio infinito" con sede in...

I bunker della Seconda guerra mondiale diventano luoghi turistici per conoscere la storia

I rifugi antiaerei della Seconda guerra mondiale, per decenni dimenticati, stanno per conquistarsi un nuovo spazio nelle città, con una nuova destinazione. E’ il...

Gli occhiali del Presidente della Repubblica arrivano al Museo dell’Occhiale

Venerdì 9 giugno 2023, alle ore 11.00, al Museo dell’Occhiale di Pieve di Cadore, Vittorio Tabacchi, presidente della Fondazione Museo dell’Occhiale onlus, presenterà l’ultima...

Due interventi in montagna

Belluno, 03 - 06 - 23   Verso le 16.30 il Soccorso alpino di Cortina è stato attivato, per una famiglia polacca in difficoltà lungo...
Share