13.9 C
Belluno
martedì, Ottobre 27, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Il fallimento dell'università italiana: il libro di Simone Colapietra che i professori...

Il fallimento dell’università italiana: il libro di Simone Colapietra che i professori non ti farebbero mai leggere

Il titolo del libro non lascia spazio a dubbi: “Il fallimento dell’università italiana”, scritto da Simone Colapietra, giovane studente 21enne prossimo alla laurea in Economia e commercio e pubblicato dall’editore milanese Cerebro, in questi giorni in libreria.

Il libro analizza in maniera critica le falle del nostro sistema universitario che negli anni ha subito numerose modifiche per adeguarlo ai sistemi anglosassoni. Tutto ha inizio con la riforma Berlinguer del 1999 che l’autore chiama ironicamente riforma-scempio del 3+2, proprio perché introduce la suddivisione in cicli e il sistema dei crediti universitari. La finalità della riforma era di dare una svecchiata al mondo accademico e di avvicinare prima i giovani al mondo del lavoro. Tredici anni dopo si può con certezza affermare che la riforma è stata un gigantesco flop, ottenendo effetti contrari. L’autore effettua un’osservazione pungente con grande lucidità e disinvoltura, citando report di autorevoli istituzioni tra cui la Corte dei Conti che nel 2010 parla proprio di fallimento della riforma 3+2. Tra le tematiche intestine all’università si parla di annacquamento dei piani di studio in riferimento al fatto che le lauree quadriennali di un tempo oggi sono di cinque anni con un numero maggiore di esami. Si parla inoltre di laureati analfabeti e di svalutazione delle tesi di laurea. Le idee dell’autore sono sostenute da situazioni oggettive e intrinseche al sistema universitario. La laurea biennale specialistica è attaccata duramente poiché spesso gli esami sostenuti altro non sono che inutili ripetizioni di materie studiate alla triennale.

L’autore non ha mancato di effettuare un’analisi al di fuori del mondo accademico con riferimento al mercato del lavoro. Inoltre dimostra come, a suo parere, le università siano complici della disoccupazione in Italia e come il laureato triennale sia una figura dequalificata poiché svolge mansioni che vent’anni fa spettavano a persone con la licenza media.

Il libro, che contiene comunque proposte e soluzioni ai problemi, si chiude con un appello ai governanti affinché si ritorni ad un’università valevole.

Share
- Advertisment -


Popolari

Scuole superiori, didattica digitale per il 75% degli studenti. Ordinanza regionale in vigore dal 28 ottobre

Il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha firmato la seguente ordinanza in ossequio al Dpcm del 25 ottobre che non lascia margini...

Forte pioggia e neve a quota 1700 in arrivo tra stasera e domattina

Venezia, 26 ottobre 2020 - Il Meteo regionale del Veneto riferisce che tra il tardo pomeriggio di oggi ed il primo mattino di domani, martedì...

Nuovo Dpcm e scuola. Riunione in Prefettura del Comitato per l’ordine e la sicurezza. Quarantena e contagio, i dati provinciali

Si è tenuta stamane, in videoconferenza, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto, Adriana Cogode, alla quale...

Serrande abbassate dopo le 18, l’allarme di Confartigianato. Gaggion: «Penalizzati rispetto alla grande distribuzione»

Tutto chiuso dopo le 18: vale per i bar e i pub, i ristoranti e le pasticcerie. Le disposizioni contenute nel nuovo Dpcm non...
Share