13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home Cronaca/Politica Presentato il progetto biennale del Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico. Fondazione...

Presentato il progetto biennale del Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico. Fondazione Cariverona interviene con 250mila euro di finanziamento

E’ stato presentato questa mattina a Palazzo Barbieri il progetto biennale del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico per il completamento della rete “Radio Regionale” finalizzata all’attività di soccorso alpino e speleologico in collaborazione con la Regione Veneto.

Il progetto è finanziato dalla Fondazione Cariverona con la somma di 250 mila euro.

Presenti in sala Arazzi il Sindaco Flavio Tosi, il direttore generale di Fondazione Cariverona Fausto Sinagra, il vicepresidente del Consiglio regionale Matteo Toscani, il presidente CNSAS Veneto Rodolfo Selenati insieme a Fabio Bristot (2° zona-Dolomiti bellunesi), Giorgio Cocco (11° zona Prealpi Venete) e Franco Fozzato (6° zona speleologica Veneto e Trentino Alto Adige).

“Ringrazio Fondazione Cariverona – ha detto il Sindaco – perché, nonostante il difficile momento economico, contribuisce in modo significativo alla realizzazione di un progetto di ampia valenza territoriale e che permetterà agli operatori del Soccorso Alpino e Speleologico di lavorare con strumenti adeguati alle loro necessità”.

“Un progetto di medicina preventiva a favore della popolazione – ha aggiunto il direttore Sinagra – che si inserisce nella programmazione di iniziativa nel Settore Salute Pubblica, Medicina preventiva e riabilitativa della Fondazione”.

Nel sottolineare l’importanza dell’attività del CNSAS che opera in stretta collaborazione con la Protezione Civile e il Sistema sanitario veneto, Toscani ha ricordato “gli operatori che perdono la propria vita per salvare quella degli altri” e in particolare gli alpini Alberto Bonafede e Aldo Giustina deceduti l’anno scorso durante un’operazione di soccorso sul monte Pelmo.

Nello specifico, il progetto presentato dal CNSAS, di durata biennale, prevede l’adeguamento delle attrezzature informatiche e delle tecnologie di comunicazione della rete “Radio Regionale” con l’acquisto e l’installazione di ponti ripetitori e link per le zone di Belluno, Verona e Vicenza con i relativi hardware e software gestionali.

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Elisoccorso. Azienda Zero vince il ricorso al Tar, Elifriulia condannata al pagamento delle spese processuali

Con sentenza n.102 pubblicata il 13 ottobre 2020 il Tribunale amministrativo regionale del Veneto ha respinto per inammissibilità e per infondatezza il ricorso promosso...

Emergenza Covid, le direttive della Prefettura

Si è tenuta ieri 19 ottobre 2020, in videoconferenza, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto, Adriana...

Confcooperative Belluno e Treviso: i prodotti delle coop agroalimentari aiutano le famiglie bellunesi in difficoltà

L’associazione di categoria ha sposato il progetto “La povertà a casa nostra”, promosso da Insieme si può, in occasione di Scoop!: durante la festa...

Treviso nega il patrocinio al convegno di Crisanti. Zanoni: “Nello Zaiastan è vietato criticare il Doge”

Treviso, 20 ottobre 2020   "È vergognoso che la Giunta di Treviso ritiri il patrocinio a un convegno dell'Ateneo di Treviso sulla pandemia perché la...
Share