13.9 C
Belluno
sabato, Febbraio 27, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli "Io ti prendo per mano" di Daniela Nicosia a Milano

“Io ti prendo per mano” di Daniela Nicosia a Milano

Daniela Nicosia

Il 19 e il 20 maggio alle ore 21.00 al Campo Teatrale di Milano, andrà in scena la produzione di Tib Teatro Io ti prendo per mano all’interno della rassegna Epifanie Urbane, seconda parte de I Teatri del Sacro, dal programma ampio e articolato tra Roma e la città meneghina, che si concluderà all’interno del VII Incontro Mondiale delle Famiglie, momento nel quale è prevista la presenza del Papa Benedetto XVI° proprio a Milano.
La versione integrale dello spettacolo Io ti prendo per mano, opera vincitrice del Festival “I teatri del sacro”, è diventata una produzione televisiva, andata in onda il 9 gennaio scorso in prima serata, all’interno di un progetto di TV 2000 dedicato alle eccellenze del teatro contemporaneo italiano.
Lo spettacolo di Daniela Nicosia, creazione interamente bellunese, è stato allestito grazie al prezioso lavoro di artisti e manodopera locale, artigiani e tecnici, insieme a quelle imprese – sartorie, falegnamerie, tipografie, ecc – che hanno accompagnato la realizzazione di questa nuova produzione teatrale di Tib, con un’evidente ricaduta, non solo culturale, ma anche economica per tutto il territorio.
Un’opera coraggiosa, Io ti prendo per mano, in cui la regista e drammaturga Daniela Nicosia affronta la madre di tutti i tabù della società contemporanea: quello della morte.
La delicatezza del tema, fa dello spettacolo una sfida creativa e commovente nei confronti del comune sentire e di una società, quale la nostra, in cui il morire rappresenta uno dei più grandi tabù. Scaturisce pertanto da un’urgenza drammaturgica profonda, da una spiritualità dettata dal costante bisogno d’amore necessario alla vita così come all’atto umano e sacro di lenire il dolore e accompagnare nel morire. Una figlia e una madre, un intenso dialogo in quel tempo sospeso che precede il morire. Le due donne hanno vissuto vicine, ma senza mai veramente conoscersi. Questo momento di crisi e di malattia diviene occasione per confrontarsi in un progressivo svelamento di sensazioni, pensieri ad emozioni, in un testo così autentico da arrivare nel profondo dell’anima.
Il testo, la regia e gli elementi di scena sono di Daniela Nicosia, in scena Piera Ardessi e Paola Compostella, coreografie Clara Libertini, costumi Silvia Bisconti, luci e suono Paolo Pellicciari, coproduzione Tib Teatro – I Teatri del Sacro.

Share
- Advertisment -

Popolari

L’assessore Lanzarin risponde sui 52 milioni destinati alle Ulss venete, esclusa Belluno

Dopo le varie proteste per i mancati stanziamenti della Regione Veneto all'Ulss 1 Dolomiti (nulla dei 52 milioni), nell'ordine, quella del sindaco di Belluno...

Italia Polo Challenge. Questa mattina la sfilata in centro Cortina preceduti dai carabinieri a cavallo

Italia Polo Challenge, evento che conferma il polo ‘on snow’ tra gli appuntamenti sportivi più attesi di Cortina d’Ampezzo, prosegue, seppure a porte chiuse,...

Attraversamenti faunistici. De Bon: «Obiettivo sicurezza, per gli automobilisti e per gli animali»

Provincia di Belluno e Veneto Strade sono al lavoro per prevenire gli incidenti stradali che coinvolgono la fauna selvatica. Negli ultimi vent'anni infatti sono...

Il saluto al nuovo direttore generale dell’Ulss 1 Maria Grazia Carraro

L’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Belluno dà il benvenuto alla dottoressa Maria Grazia Carraro, che per i prossimi 5 anni sarà...
Share