13.9 C
Belluno
domenica, Aprile 11, 2021
Home Cronaca/Politica Preoccupazione per la casa di riposo di Zoldo. Bond: "Studieremo una soluzione...

Preoccupazione per la casa di riposo di Zoldo. Bond: “Studieremo una soluzione per la sua sopravvivenza”. La struttura ha 40 dipendenti che assistono 80 anziani

Dario Bond

“La tematica deve essere affrontata di petto e senza perdere altro tempo. Lo Zoldano non può perdere la sua casa di riposo a causa di un adeguamento che oggi come oggi – per evidenti ragioni economiche – non è possibile”. A dirlo è il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond che questa mattina a Palazzo Ferro-Fini ha incontrato alcuni amministratori dello Zoldano, in particolare il sindaco di Zoldo Alto Roberto Molin Pradel accompagnato da Amedeo Scarzanella (assessore ai lavori pubblici di Zoldo Alto) e Adelino Molin Pradel (ex assessore).

Molin Pradel, in rappresentanza degli amministratori di valle, ha spiegato a Bond i motivi della sua preoccupazione: “Non siamo in grado di sostenere le spese per l’adeguamento della casa di riposo così come previsto dalla legge 22 in materia di accreditamento delle strutture residenziali”, ha detto il primo cittadino. “Eppure la nostra casa di riposo è confortevole ed eroga tanti servizi”.

La struttura di Forno di Zoldo ospita circa 80 persone e dà lavoro a una quarantina di dipendenti: “E’ una delle realtà più importanti dello Zoldano, non possiamo permetterci di perderla o vederla ridimensionata”, hanno sottolineato, dal canto loro, Scarzanella e Adelino Molin Pradel.

Da qui l’impegno del consigliere Bond: “I sindaci dello Zoldano sono preoccupati e hanno ragione: la vallata non può fare a meno di una struttura del genere. Proprio in questi momenti di crisi non bisogna fare passi indietro sul fronte dei servizi alla persona, soprattutto quelli rivolti alle fasce più deboli”.

Per questo, lo stesso Bond ha organizzato per martedì prossimo a Venezia un incontro tra i sindaci del comprensorio e l’assessore alle politiche sociali Remo Sernagiotto e il suo staff. “Va trovata una soluzione che vada al di là degli aspetti più burocratici. Le strutture di montagna hanno numeri e risorse diversi. Di questo bisognerà tenere conto”.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

E’ morta Amalia, titolare del caffè Commercio per quasi 50 anni

Belluno, 11 aprile 2021 - E’ morta nella notte all’ospedale di Belluno dove era ricoverata da due mesi Amalia Zoldan, avrebbe compiuto 85 anni...

Dal 16 al 22 aprile statale chiusa a Gravazze per realizzazione sottopasso ciclabile

Santa Giustina - Inizieranno il 16 aprile i lavori per la realizzazione di un sottopasso ciclabile in località Gravazze, all’interno dell’importante opera inserita come...

Borgo Valbelluna: 31^ edizione del concorso letterario nazionale “Trichiana Paese del Libro”

L’Amministrazione comunale di Borgo Valbelluna ha reso pubblico il bando della 31^ edizione del Premio Letterario Nazionale “Trichiana Paese del Libro”, concorso per racconti...

La figura dell’OSSS, Operatore Socio Sanitario Specializzato, a metà tra OSS e infermiere * di Andrea Fiocco

Si fa sempre più pressante la richiesta da parte delle RSA di avviare la formazione dei cosiddetti OSS Specializzati o con formazione complementare, gli...
Share