13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 19, 2021
Home Cronaca/Politica Crisi Safilo. Zaia conferma: "Non lesineremo impegno ed energie. Intanto attiviamo gli...

Crisi Safilo. Zaia conferma: “Non lesineremo impegno ed energie. Intanto attiviamo gli ammortizzatori sociali”

Il governatore del Veneto Luca Zaia ha incontrato stamane a Venezia, Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale, il sindaco di Longarone, Roberto Padrin e il vice presidente del Consiglio, Matteo Toscani, assicurandoli che la vertenza Safilo è una delle priorità nell’agenda dei lavori del presidente e dell’esecutivo veneto.

“Ho detto e confermo che vivo la sfida dei lavoratori della Safilo come una mia sfida personale – ha ribadito il governatore –. In accordo con la collega assessore al lavoro, abbiamo convocato per domani, mercoledì 16 maggio, le parti sociali e le amministrazioni comunali interessate per esaminare le possibili soluzioni a questa preoccupante situazione che coinvolge centinaia di famiglia venete. La prima cosa che intendiamo attivare sono gli ammortizzatori sociali, per rendere meno angoscioso per i lavoratori il prossimo periodo. Il nostro obiettivo principale è quello di salvare i posti di lavoro e per raggiungerlo, lo assicuro, metteremo in campo tutte le nostre energie e il nostro impegno”.

“Ringrazio il presidente per avermi ricevuto in tempi così rapidi – ha affermato il sindaco Padrin –, a conferma della grande attenzione che la Regione del Veneto attribuisce a questo problema. Ho condiviso con lui la mia grande preoccupazione per le ripercussioni economiche e sociali che ha la vertenza Safilo nel nostro territorio”.

“Il governatore ha ribadito la vicinanza della Regione ai dipendenti di Sàfilo – ha rilevato Toscani – e l’intenzione di attuare tutte le iniziative possibili per arginare gli effetti drammatici dei tagli occupazionali annunciati dall’azienda. Siamo di fronte a numeri da vera e propria emergenza sociale per quel che riguarda il territorio bellunese, dove sembra essere iniziata una pericolosa fase di deindustrializzazione. A questo, infatti, si aggiungono i casi preoccupanti di Invensys e Ideal Standard e di molte piccole e medie aziende. E’ perciò indispensabile individuare soluzioni strategiche per attrarre nuovi investimenti e risollevare l’economia, come, ad esempio, l’istituzione di zone franche che renderebbero nuovamente appetibile, attraverso una defiscalizzazione, un territorio geograficamente marginale”.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Pulite le fontane del centro città

Belluno, 18 aprile 2021 - Dopo il tam tam sui social, l'amministrazione comunale ha dato il via alla pulizia delle quattro fontane "incriminate", colpevoli...

Malore in casera

Longarone (BL), 18 - 04 - 21 - Attorno alle 15.40 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione di Casera...

La solidarietà delle associazioni a Casanova, presidente di Mountain Wilderness Italia querelato per aver criticato “Quad in quota”

Luigi Casanova, presidente onorario di Mountain Wilderness Italia, è stato sottoposto a processo a richiesta dei sostenitori della manifestazione "Quad in quota" di Falcade...

Rinnovato il contratto dei metalmeccanici. In provincia di Belluno passa con il 93,8% dei consensi

Il Nuovo CCNL Industria metalmeccanica è stato ratificato nella provincia di Belluno con il 93,8% di voti favorevoli. Il voto si è svolto in...
Share