13.9 C
Belluno
venerdì, Febbraio 26, 2021
Home Cronaca/Politica Lavoro. Marotta (IdV): Safilo, intervenire subito. Come se finisse sul marciapiede un...

Lavoro. Marotta (IdV): Safilo, intervenire subito. Come se finisse sul marciapiede un paese di 5mila abitanti

 «Come è possibile che un’azienda sana, pietra angolare di un gruppo strutturato e diversificato, da un giorno all’altro dichiari di licenziare mille persone? Contando le famiglie di questi lavoratori, è come se Safilo mettesse in mezzo alla strada un comune di 5mila abitanti. È inaccettabile». Così il segretario regionale di Italia dei Valori Gennaro Marotta sull’azienda leader mondiale nella produzione di occhiali che ieri ha annunciato 1.000 esuberi nei prossimi mesi, a causa della perdita del marchio Armani, che pesava per il 20% sul fatturato. Una mazzata pesantissima, quasi un terzo dell’organico di circa 3.300 dipendenti nel Nordest, divisi nei 4 stabilimenti di Padova, Santa Maria di Sala (Ve), Martignacco (Ud), e Longarone (Bl).

«Per il tessuto sociale veneto, e in modo particolare delle province di Padova, Venezia e Belluno sarebbe un colpo durissimo, anche se spero che i vertici della multinazionale abbiano voluto mettere le mani avanti con questa cifra choc, per ottenere più ascolto ed aiuto da parte delle istituzioni. Amministrazioni pubbliche – prosegue il consigliere regionale IdV – che devono muoversi presto e bene, a partire dalla Regione, chiamata a coinvolgere il Governo ed ergersi come capofila nella mediazione, schierandosi senza remore a fianco dei lavoratori».

«In simili momenti – dice ancora Marotta – ognuno deve fare la sua parte. E gli imprenditori, non importa se di una multinazionale o meno, non possono più slegare il profitto dalla responsabilità e dall’etica. Se prima hai fatto i soldi grazie al lavoro dei cittadini veneti, adesso non li puoi scaricare su due piedi perché non sei riuscito a tenere in casa una licenza. È come per le delocalizzazioni, queste aziende non mettono mai in conto che si può guadagnare di meno. Loro ragionano solo guardando al bilancio, mai alle persone ed alle famiglie che da loro dipendono, ma che hanno anche fatto le loro fortune. I vertici della Safilo non lo possono dimenticare proprio adesso».

 

 

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Nominati da Zaia i nuovi direttori generali della sanità veneta

Venezia, 26 febbraio 2021 - Il presidente della Regione, Luca Zaia, ha nominato oggi i nuovi direttori generali delle nove Ullss, delle due Aziende ospedaliere...

Lupo avvistato nella zona dell’Oltrerai di Ponte nelle Alpi. De Bon: «Nessun rischio per l’uomo. Ma gli animali domestici vanno custoditi adeguatamente»

I tecnici della Provincia e il consigliere delegato Franco De Bon hanno incontrato questa mattina il sindaco di Ponte nelle Alpi, per analizzare la...

Maria Grazia Carraro è il nuovo direttore generale della Ulss 1 Dolomiti

Maria Grazia Carraro, laureata in Medicina e Chirurgia all'Università di Padova, con Specializzazione in Igiene e medicina preventiva, è il nuovo direttore generale della...

Servizio Civile Universale: oltre 760 domande registrate dal CSV Belluno Treviso

Oltre 760 domande. A chiusura del bando 2020, è questo il numero delle candidature al Servizio Civile Universale registrate dal neo costituito CSV Belluno...
Share