13.9 C
Belluno
martedì, Aprile 20, 2021
Home Cronaca/Politica Soccorso alpino: un nuovo mezzo alla Stazione di Pieve di Cadore

Soccorso alpino: un nuovo mezzo alla Stazione di Pieve di Cadore

Pieve di Cadore (BL), 07-05-12 Il Soccorso alpino di di Pieve di Cadore ha un nuovo mezzo a disposizione per muoversi durante le emergenze. Grazie alla sensibilità della ditta Demenego, che ha donato un furgone Doblò, e alla carrozzeria Tormen, che l’ha rinnovato a norma di legge, ora Rufus, unità cinofila della Stazione, ha un mezzo tutto suo per muoversi.

Rufus è un bloodhound, segugio di Sant’Uberto, e fa parte, con il ‘collega’ Magoo, della Seconda delegazione Dolomiti Bellunesi. Condotto dal volontario Matteo Tabacchi, da tre anni frequentala la National bloodhound association of Switzerland (NBAS), la scuola svizzera di mantrailing dove vengono abilitate molte forze di polizia europee, oltre alle unità cinofile del Cnsas. Attualmente in Italia sono otto le unità cinofile certificate all’intervento e due, appunto, sono bellunesi.Ogni mese vengono sottoposte alla verifica della loro preparazione in Svizzera e sono chiamate per interventi di ricerca in tutta Italia. Il nuovo mezzo diventa quindi fondamentale per gli spostamenti, soprattutto perché è stato allestito per il trasporto di questa particolare razza, che può arrivare a pesare oltre 50 chili e ha bisogno di una dotazione personale a seguito per gli interventi. “Il Soccorso alpino di Pieve di Cadore ringrazia l’occhialeria Demenego e la carrozzeria Tormen di Calalzo di Cadore per la generosità dimostrata, pur in un momento di difficoltà generale – sottolinea il capostazione di Pieve di Cadore Marco Da Col – ora il nostro obiettivo è dare il via alla realizzazione della nuove sede, grazie agli spazi messi a disposizione nell’ex Colonia Vazzoler di Pieve di Cadore da parte dell’Ulss 1 di Belluno, con il contributo del consiglio regionale veneto, dell’Assemblea dei sindacidell’Alto bellunese e del Comune di Pieve di Cadore”. Nei prossimi giorni 400 aziende, enti e associazioni del Cadore riceveranno una richiesta di contributo fiscalmente detraibile, al fine di raccogliere i 22.500 euro necessari alla relizzazione della struttura. “Con poco, tutti assieme, è possibile dare una sicurezza a chi porta sicurezza 365 giorni all’anno, giorno e notte, con qualsiasi condizione metereologica – ricorda Da Col – dal 1954 il Soccorso alpino di Pieve di Cadore è attivo e al servizio comunità cadorina, bellunese e nazionale. Finalmente, con l’aiuto di tutti, avrà una sede adeguata all’attività in emergenza. Chiunque voglia aiutarci può chiamare per informazioni il 3403141149, oppure inviare il proprio contributo all’Iban IT40H0851161240000000017747, Cassa rurale artigiana Cortina. Grazie”.

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Nuovo Commissario per la gestione post Vaia. Scarzanella: «Soragni figura di rilievo, ora un ragionamento condiviso con le imprese»

Ugo Soragni è il nuovo Commissario delegato per l'emergenza legata alla tempesta Vaia. Già direttore dei Musei del ministero dei Beni Culturali, raccoglie il...

Avvicendamento alla Lega giovani: Paolo Luciani lascia, entra Marco Donno

Belluno, 20.4.2021 - Cambio al vertice della Lega Giovani della Provincia di Belluno. Il coordinamento provinciale giovanile leghista si aggiorna dopo quattro anni per...

Ulss Dolomiti. Monoclonali: 23 dosi somministrate

Continua, in Ulss Dolomiti, la terapia contro il covid attraverso l’uso dei monoclonali. I risultati sono soddisfacenti. Ad oggi sono state somministrate dalla UOC...

Da lunedì tutti a scuola, didattica in presenza al 100%. Cna Bus Fita Veneto: i bus ci sono. Scopel: didattica al 75% con capienza...

Marghera, 20 aprile 2021. Sono 350 in Veneto le imprese che si occupano di trasporto di persone su gomma, iscritte nell'Albo Regionale, per un...
Share