13.9 C
Belluno
lunedì, Marzo 1, 2021
Home Cronaca/Politica Prade in verde? Una verità insostenibile * di Enrico Bortoluzzi (Pd)

Prade in verde? Una verità insostenibile * di Enrico Bortoluzzi (Pd)

Enrico Bortoluzzi

Semmai il Festival sarà “al” verde. Tra fidelizzazioni svizzere e bandi “ideali”, quel di cui può parlare e a cui può puntare il sindaco Antonio Prade può essere tutto meno che una Belluno «prima città eco-sostenibile d’Italia». Non perché impossibile, bensì perché “bugiarda” di fronte alle verità scritte sul cemento da questa amministrazione.

«Dell’architettura e della pianificazione urbana sostenibile ho fatto la base dei miei studi e della mia carriera universitaria – sottolinea Enrico Bortoluzzi, 30 anni, architetto, candidato del Partito Democratico al consiglio comunale di Belluno – e rimango basito di fronte alle affermazioni del nostro attuale sindaco relativamente alla sua “Belluno sostenibile”. Stiamo parlando dello stesso primo cittadino che intende costruire palazzine sul Nevegal, sbloccare lottizzazioni di basso profilo nell’area verde di Cavarzano e cementificare la piana di Levego? Se sì, allora diamo un peso alle parole, belle se scritte sulla carta della propaganda elettorale, e un peso ai fatti, pesanti come il calcestruzzo. Se la “green-amministrazione” di Prade avesse seriamente in testa sostenibilità e aree verdi, forse in un paio di anni si sarebbe ad esempio accorta che il giardino delle scuole elementari Gabelli, ricchezza botanica piantata nel cuore del centro città e a due passi da Palazzo Rosso, sta morendo abbandonato. Invece, chiuso e dimenticato il verde che già c’è dietro un cancello, si parla ai cittadini di “certificati EMAS”.

Ciò a cui si deve seriamente e concretamente pensare, io nel mio impegno di candidato al fianco del miglior sindaco possibile, Claudia Bettiol, e la nostra squadra nella costruzione di un programma serio, in cui la parola “sostenibilità” non sia un vezzo di moda, ma un concetto assorbito con le dovute competenze, è la creazione di modelli e regole per permettere una forte virata al sistema urbanistico e di pianificazione, attraverso il recupero e il riutilizzo del costruito. Un percorso che non solo conviene all’ambiente, ma anche alle tasche dei cittadini che troverebbero mercato per le loro seconde e terze case che con l’IMU, oggi, sono diventate un peso invendibile».

Senza troppi Festival (al) Verde, sventolati da un Palazzo (in) Rosso.

Enrico Bortoluzzi- candidato al consiglio comunale Partito Democratico di Belluno

Share
- Advertisment -

Popolari

Belluno, Buoni spesa, al via il nuovo bando. Pellegrini: “C’è tutto il mese di marzo per presentare la domanda” 

Nuovo bando per i buoni spesa: da oggi e per tutto il mese di marzo sarà possibile presentare la domanda per accedere al contributo....

Successo a Misurina per l’open day “L’asma infantile non è più un tabù”

Notevole successo per “L’asma infantile non è un tabù”, primo Open Day in web tenutosi il 26.02.2021 dell’Istituto Pio XII di Misurina – gestito dall’Opera...

Intervista a Davide Mazzon. Gli anestesisti rianimatori in prima linea nel contrasto alla pandemia

A un anno dalla diffusione della pandemia Covid-19 che ci affligge, abbiamo interpellato il dottor Davide Mazzon, da quasi 20 anni direttore del Reparto...

Conclusa l’Italia Polo Challenge Cortina 2021

Cortina d'Ampezzo, 28 febbraio 2021  -  Giocatori e cavalli protagonisti di Italia Polo Challenge Cortina 2021 lasciano la vallata ampezzana con la soddisfazione di aver...
Share