13.9 C
Belluno
sabato, Ottobre 24, 2020
Home Cronaca/Politica Edilizia. Donazzan: "Crisi drammatica, persi 5mila occupati in un anno nel Veneto"

Edilizia. Donazzan: “Crisi drammatica, persi 5mila occupati in un anno nel Veneto”

In un anno, dal 2010 al 2011, nel settore dell’edilizia in Veneto, hanno chiuso 175 imprese con una perdita di 5.000 occupati. Infatti erano 181.000 le imprese edili  nel terzo trimestre 2010 calate a 176.000 in quello 2011. Lo ha reso noto l’assessore regionale al lavoro Elena Donazzan che stamani a Rosa’ (Vicenza) ha incontrato la stampa nella sede dell’azienda edile di Simone Sartori che recentemente ha affisso in diversi luoghi pubblici di Rosa’, Cittadella e altri comuni limitrofi, un manifesto per segnalare la drammaticità della situazione propria ( – 45%-50% commesse negli ultimi  tre anni) e del settore in generale. Il manifesto in sintesi, offre a chiunque indichi un’opera edile da eseguire una ricompensa dell’1 per cento sul valore della commessa. Erano presenti, oltre a Donazzan, il titolare dell’impresa Simone Sartori e il Sindaco di Rosa’ e deputata Manuela Lanzarin. “I dati sull’edilizia sono gravi – ha detto Donazzan – e ancora più gravi se si pensa a tutto l’indotto che dipende da essa. L’edilizia, in tempo di crisi, e’ il primo settore a fermarsi e l’ultimo a ripartire. Quindi dobbiamo fare il possibile perché rimanga in vita, applicando tutti quei correttivi necessari per la sua ripresa. Inoltre si affaccia ora pericolosamente la corruzione, elemento di ulteriore preoccupazione che ci e’ segnalato dalle stesse imprese in difficolta’”. Le soluzioni possibili a questo stato di cose critico secondo l’Assessore regionale al  lavoro “sono complesse ma ci sono indicate proprio dagli operatori del sistema, dall’ ANCE in particolare e da imprese come Sartori. Si devono cambiare alcune normative a livello nazionale, dare un  cambio di rotta ad alcuni correttivi che devono essere messi in campo nel settore pubblico a partire dal sistema degli appalti, far sì che la pubblica amministrazione  alle gare d’appalti affianchi strumenti utili per le imprese quali la velocita’ nell’assegnazione; inoltre non ci devono essere dubbi sulla chiarezza e certezze delle procedure e deve esserci una certificazione vera per queste imprese”. Manuela Lanzarin, componente della VIII commissione parlamentare lavori pubblici, ha affermato che attualmente il Parlamento ha all’esame alcune proposte di legge importanti per il settore, tra cui quella per la disciplina all’accesso della professione edile ora in Senato, e la nuova iniziativa legislativa concordata con le associazioni di categorie che porta migliorie al settore e semplifica alcune procedure; “bisognerà inoltre – ha concluso concordemente con Donazzan – riscrivere un nuovo codice per gli appalti per dare quella sicurezza normativa di cui c’è bisogno”.

Share
- Advertisment -


Popolari

Findomestic addebita a un omonimo la rata del finanziamento. Brumurelli (Associazione Io mi tutelo): “In 15 giorni abbiamo chiarito il caso con la banca...

Vedersi addebitare ogni mese delle rate di una cinquantina di euro senza sapere il perché non dev’essere piacevole. E’ successo in un Comune della Valbelluna...

Agricoltura di montagna. Dorfmann: aumenta il livello di protezione, maggiori aiuti alle aziende costituite da giovani

Si è chiusa con il voto di approvazione di ieri sera la quattro giorni che al Parlamento Europeo ha visto in discussione uno dei...

Furti di monili d’oro in casa. Giovedì sera a Limana e venerdì sera a Mel

Borgo Valbelluna, 24 ottobre 2020  -  Due furti in appartamento sono avvenuti nella tarda serata di ieri. Uno in quartiere Europa e l'altro in...

Passaggi a livello desueti. L’interrogazione del consigliere Stella

Nel territorio del Comune di Belluno vi sono 5 passaggi a livello (1 a Safforze, 2 a Fiammoi, 1 a Sargnano, 1 a San...
Share