13.9 C
Belluno
venerdì, Ottobre 23, 2020
Home Cronaca/Politica Le Pro loco Bellunesi. Meno fondi nel 2012, ma si va avanti...

Le Pro loco Bellunesi. Meno fondi nel 2012, ma si va avanti con tante buone idee

Il 2012 sarà un anno di austerity anche per le Pro loco bellunesi. Dal bilancio della Regione Veneto è arrivato un drastico ridimensionamento dei contributi, solo 100.000 euro per tutta la Regione. Un taglio netto rispetto ai 500.000 euro stanziati nel 2011. “Questo vuol dire – spiega il presidente del Comitato Provinciale Unpli di Belluno Espedito Pagnussat – che le Pro loco dovranno fare a meno dei circa 1.000 euro che ricevevano dalla Regione. E che i 9.920 euro che arriveranno a Belluno saranno destinati soltanto al funzionamento del Comitato Provinciale”. La decisione è scaturita nel corso del direttivo provinciale, svoltosi prima di Natale alla Birreria Pedavena. La riduzione dei fondi comporterà qualche sacrificio. In primis, la riduzione delle uscite del giornalino “Pro loco Bellunesi”, che passerà dai 4 numeri del 2011 ai tre del prossimo anno. “Nonostante questo – ha riferito il presidente Pagnussat – le Pro loco continueranno nella loro attività a favore dei loro paesi e del territorio bellunese. Cercando, nei limiti del possibile, a organizzare le nostre manifestazioni per vivacizzare la società che vede nelle nostre organizzazioni un riferimento importante”. I numeri presentati da Pagnussat riflettono la vivacità di queste realtà. “Nel 2012 abbiamo raggiunto il numero di 53 Pro loco in provincia di Belluno, dieci anni fa eravamo 43. Abbiamo festeggiato la nascita della Pro loco Castionese e abbiamo assistito al ritorno di Venas. Possiamo contare su ben 7 Consorzi che riuniscono e la scommessa per il futuro è legata al Comelico, dove speriamo possa nascere qualche Pro loco”.  Pagnussat ha posto l’accento anche sulla burocrazia, sempre in aumento a fronte di sempre minori introiti. Nonostante questo, le Pro loco Bellunesi si preparano per il nuovo anno, sperando di poter assicurare le tante iniziative che le hanno sempre contraddistinte e che hanno contribuito allo sviluppo turistico e, perché no, anche commerciale della provincia di Belluno. “Ci sono tra l’altro scadenze importanti, dall’Assemblea provinciale della prossima primavera, passando per il rinnovo del Consorzi e del Direttivo provinciale, per arrivare all’assemblea nazionale di Rapallo. Un auspicio per il futuro? Speriamo di poter annoverare nuove forze, soprattutto giovani, disposte ad impegnarsi nelle nostre Pro loco. Ce n’è davvero bisogno.”

Share
- Advertisment -


Popolari

Aperto alla Fiera di Padova il Salone auto e moto d’epoca. Inaugurazione ufficiale venerdì mattina alle 11

Oggi è il giorno di Auto e Moto d’Epoca a Padova. Uno dei più importanti appuntamenti internazionali dedicati ai veicoli storici apre i...

Ordinanza sugli orari di sale slot. Il Tar dà ragione al Comune di Belluno e respinge la richiesta di sospensiva

Nuova vittoria del Comune di Belluno al tribunale amministrativo in materia di gioco d'azzardo: la Terza Sezione del TAR Veneto ha infatti respinto la...

Stefano Bellotto è il nuovo presidente di Adiconsum

Stefano Bellotto è il nuovo presidente di Adiconsum Belluno Treviso, l'Associazione dei consumatori promossa dalla Cisl. 50 anni, trevigiano, residente ad Auronzo di Cadore,...

A Cancia è arrivata la briglia “Sabo dam”. Bortoluzzi: «Entro fine anno l’installazione»

Lavori in dirittura d'arrivo a Borca di Cadore. Nei giorni scorsi è arrivata la struttura componibile della briglia "Sabo dam", l'opera principale dell'imponente lavoro...
Share