13.9 C
Belluno
domenica, Novembre 1, 2020
Home Cronaca/Politica Botti di fine anno. Il consigliere Celeste Balcon scrive al vicesindaco Leonardo...

Botti di fine anno. Il consigliere Celeste Balcon scrive al vicesindaco Leonardo Colle, che replica

 

Celeste Balcon

“Ci sono degli argomenti di questi tempi dei quali sarebbe opportuno mettere a fuoco la collocazione. Da quanto risulta, almeno sulla carta, Ella dovrebbe essere Assessore al Turismo cosa che la nostra Città “porta delle Dolomiti” dovrebbe  coltivare e cullare, ma la Sua presenza non si nota nel settore. La Sua presenza invece emerge con forza e vigore sulla questione Teatri (TIB in particolare) tanto da sembrare essere l’Assessore alla Cultura. Altro argomento l’Assessorato all’Ambiente (rifiuti), come era prevedibile dopo l’esclusione di realizzare l’ecocentro della sinistra Piave è assodato che non ci sarà neanche quello all’ex Caserma Piave. Un detto di Manzoniana memoria recita “a pensar male spesso ci s’azzecca”  cosa puntualmente accaduta. In compenso potremo ritrovarci un ecocentro mobile del quale non è ipotizzabile il risultato, ancorché per qualcuno si renderà utile, l’unica cosa certa è il costo di circa 200mila Euro. Infine il calendario della “mondezza” cosa ne pensa? Come mai non l’ha accompagnato anche Lei con gli auguri agli utenti del servizio? Caro Vice Sindaco Assessore il Patto per Belluno attende risposte.

Per Patto per Belluno Celeste Balcon

 

Leonardo Colle

“Il Consigliere Comunale Celeste Balcon vuol sapere per quale motivo non ho firmato gli auguri natalizi natalizi che accompagnano l’ecocalendario della Bellunum. Fa prima a chiederlo al Sindaco ed al suo portavoce, ideatori in solitaria ed a mia insaputa dell’iniziativa: mi avessero chiesto cosa ne pensavo, avrei sicuramente espresso il desiderio di dirottare il denaro dei miei concittadini sulla tariffa o su una campagna si mediatica, ma finalizzata alla sensibilizzazione dell’utenza meno diligente (vera spina nel fianco della Bellunum e della città). Comunque ubi maior minor cessat.   Per la questione degli auguri natalizi ho già assolto il mio dovere nei confronti delle famiglie bellunesi (grazie anche all’ottimo lavoro della Bellunum) mettendo sotto l’albero lo sconto tariffario del 9%: a Pasqua conto di inviare gli auguri di rito con un altro sconto del 9%. Forse gli utenti gradiscono questa ruvida concretezza più dei classici bigliettini.   Nel complesso comunque la scelta del Sindaco e del suo efficiente entourage di ricorrere alla Bellunum anziché alla Fondazione Teatri o alla Nis per stampare e spedire gli auguri attesta la granitica solidità economica della prima (grazie anche alla difesa ad oltranza del suo bilancio attuata quest’estate dalla Lega).   Sull’opzione per l’ecocentro mobile al posto di quello fisso suggerisco al Consigliere Balcon di documentarsi prima di criticare: lo strumento, certo innovativo, è già in uso presso altre città, con il vantaggio di creare una sorta di ecocentro “porta a porta”, un servizio in più che l’utenza mostra di gradire molto e che assieme a Bellunum ho deciso di offrire ai Bellunesi, autofinanziandoci grazie alle ottime economie derivanti dalla condivisione della differenziata spinta.   Sulla questione del teatro la risposta è semplice semplice. Non si tratta di banalizzare il tutto parlando di invasione di campo, quanto piuttosto di lanciare il progetto della “Residenza Teatrale”, valorizzando ciò che già esiste sul territorio. Stiamo parlando delle linee programmatiche del prossimo mandato elettorale, e questo significa avere una progettualità concreta e d’avanguardia sulla quale confrontarsi con i cittadini e con la Fondazione Cariverona. E’ una cosa profondamente diversa dal fare interrogazioni mediatiche pubblicitarie senza affrontare il passaggio nodale di chi risolverà i problemi.   Sulle questioni del turismo sai benissimo che a bilancio 2011 c’erano in tutto ? 10.000,00 per il capoluogo delle Dolomiti e che i soldi sono stati totalmente dirottati sull'”Accademia Svizzera”, sul consulente svizzero e sul progetto “Abitare il Nevegal”: finalità che tu hai avallato con entusiasmo ed enfasi. Peccato che io abbia visto più lontano di te, posto che nemmeno quest’anno inizieranno i corsi accademici in Nevegal.   Con l’occasione un augurio di buon anno ai miei concittadini”.   Leonardo Colle

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Escursionista in gravi condizioni, ruzzolato per 200 metri

Taibon Agordino (BL), 31 - 10 - 20   Attorno alle 14 la Centrale del Suem è stata allertata da due escursionisti che avevano perso...

Nasce Gusto in Scena, il periodico di Lucia e Marcello

Dove tutto è alta qualità, sono le idee e i valori storico-culturali delle scelte a creare la differenza. Nasce su queste basi "Gusto in...

Artigiani preoccupati dallo spettro di un nuovo lockdown. Scarzanella: «Garantiamo la prosecuzione delle attività alle imprese che rispettano le regole»

«Gli artigiani, a questo punto, tremano. Abbiamo paura di un nuovo lockdown e siamo in balia dell'incertezza che ne deriverà. Più di qualcuno potrebbe...

Sovracanoni idrici. De Menech: “Belluno rischia di perdere milioni di euro a causa di una proposta di legge di Forza Italia a favore dei...

Roma, 31 ottobre 2020   «Un danno enorme per le amministrazioni locali. La Provincia di Belluno rischia di perdere milioni di euro». Il deputato bellunese...
Share