13.9 C
Belluno
giovedì, Ottobre 29, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti La proposta di Roger De Menech su Gsp a Radio Cooperativa sui...

La proposta di Roger De Menech su Gsp a Radio Cooperativa sui 97,2 Mhz

Roger De Menech

La puntata di martedì 6 dicembre di “Voci dalle Dolomiti”, alle 17.30, trasmissione da me curata che va in onda in Fm a Radio Cooperativa (in Valbelluna 97.2 Mhz) e poi in podcast a www.bellunopop.it, ospita un’intervista al sindaco di Ponte nelle Alpi, Roger De Menech, sulla crisi di Bim Gsp e sulle prospettive del servizio idrico integrato in provincia.
Il sindaco di Ponte nelle Alpi si dice favorevole a una trasformazione dell’attuale società per azioni, anche valutando la nascita di un’Azienda speciale di diritto pubblico per il servizio idrico integrato, coerentemente con le indicazioni dei referendum del giugno scorso.
Così come indicato dal Comitato acqua bene comune, anche Roger De Menech, così come vari suoi colleghi sindaci, propone fra l’altro forme di partecipazione diretta da parte dei cittadini/utenti.

LA MEMORIA del periodo 1943-1945 è al centro della seconda e più corposa parte del programma, che presenterà due interviste.

La prima, con lo storico di Borgo Valsugana Giuseppe Sittoni, rievoca una bella storia di confine che vide protagonisti giovani trentini e bellunesi nel battaglione partigiano Gherlenda, sorto nella zona del Tesino grazie al collegamento con le divisioni presenti in forze sulel vicine Vette Feltrine.
Purtroppo nel Trentino autonomo e sempre più autoreferenziale del dopoguerra, la memoria di questa vicenda è stata lasciata ai margini e soltanto nel settembre scorso è stata posata una targa, fra i monti di Costabrunella (Lagorai) in memoria dei partigiani del “Gherlenda”, che qui avevano la loro base. Nello stesso Tesino, che fu una delle poche zone del Trentino attive nella Resistenza e che pagò un caro prezzo anche in vite umane, oggi il ricordo di quei giovani partigiani è spesso diviso, se non proprio offeso, nel tessuto sociale. Sittoni, che al tema ha dedicato vari ibri, cerca di spiegare questa memoria precaria.
La seconda intervista è la testimonianza di Gianni Faronato, presidente dell’Anpi di Feltre, che racconta i fatti dell’ottobre 1944 quando a soli sedici anni fu arrestato e poi deportato al lager di Bolzano, con altri 113 feltrini, perché denunciato da una spia come staffetta partigiana.
La testimonianza fa parte dei materiali raccolti nelle ricerche preliminari per il progetto cinematografico “Il sentiero sotto la neve” al quale sta lavorando Zenonme Sovilla. Altre informazioni al sito Ilsentierosottolaneve.it/.

Share
- Advertisment -


Popolari

L’Alto Adige si adegua. Sabato scatta il coprifuoco anche per loro

Chi aveva programmato la cena sabato sera dai vicini in Alto Adige, dovrà rinviare. Il governatore Kompatscher ha stabilito che dal 31 ottobre anche...

Ancora i ladri d’oro in azione, tre furti nel Feltrino

Tre furti denunciati ai carabinieri nella giornata odierna nel Feltrino. Tutti e tre gli episodi sono successi ieri sera con le consuete modalità (effrazioni...

Nuovo sfregio ai fiocchi rosa dell’Ados in piazza dei Martiri

Ancora vandali in azione in Piazza dei Martiri a Belluno. E' la seconda volta da quando sono stati installati per le celebrazioni dell'Ottobre in...

Le “Puttane” di Maria Giovanna Maglie in libreria, per conoscere il sesso a pagamento senza ipocrisie. Dai bordelli sumeri, a Santa Teodora, da internet,...

In Italia mediamente 16 milioni di uomini ogni anno pagano per il sesso e il 70% ha famiglia ed è sposato. Tra questi 1.596.992...
Share