13.9 C
Belluno
domenica, Ottobre 25, 2020
Home Cronaca/Politica Il discorso del comandante provinciale dei Vigili del fuoco Giacalone per la...

Il discorso del comandante provinciale dei Vigili del fuoco Giacalone per la festività di Santa Barbara

«La ricorrenza della festività di Santa Barbara, oltre che un momento di incontro, è sicuramente un’importante occasione di riflessione sul nostro lavoro. – lo ha detto oggi il comandante provinciale dei Vigili del fuoco, ingegner Claudio Giacalone.  – Questo 2011 è stato segnato ancora una volta da eventi che hanno scosso il territorio nazionale. Faccio riferimento agli eventi dell’alluvione dello scorso mese ottobre, che ha causato enormi sofferenze alla popolazione della Liguria, che è stata messa a dura prova perché, nel volgere di pochi minuti, ha perso ogni bene sotto la furia delle acque, e con esso anche le persone più care.
In quest’occasione i Vigili del fuoco di Belluno, con il Gruppo Operativo Speciale Movimento Terra, sotto la direzione tecnica del perito Franco Magrin, si sono prodigati nei comuni di Vernazza e Pignone per alleviare le sofferenze di quella terra colpita dalla devastazione, dove milioni di metri cubi di fango e di macerie hanno sommerso e devastato strade, case e ogni altra attività umana, oltre che provocare numerose vittime.
Ai colleghi Vigili del fuoco di Belluno và quindi il mio personale ringraziamento, oltre che per l’eccellente risultato, soprattutto per la passione e per l’attaccamento al proprio lavoro che sono possibili solamente in presenza di una grande carica umana, del sentimento, dello slancio personale ma anche grazie al senso di appartenenza alla comunità.
La medaglia d’oro al Valor civile consegnata il 29 ottobre dal Capo dello Stato per l’altissima professionalità e per la massima generosità dimostrata dai Vigili del Fuoco nelle calamità e nel lavoro quotidiano è un grande riconoscimento di questa dedizione e di questo impegno.
Questi importanti risultati sono dovuti anche alla professionalità, alla preparazione, allo studio e all’addestramento continuo, attività importanti per tutti i soccorritori,  coscienti e consapevoli di dover accorrere ed operare in luoghi e in situazioni di disagio, di pericolo e di assoluta imprevedibilità.
Questi risultati sono dovuti anche al continuo confronto e al dialogo con le altre istituzioni, perché la cooperazione fra gli enti consente di migliorare il servizio di soccorso, per renderlo sempre più efficace ed efficiente, ma, soprattutto, più confacente alle aspettative di sicurezza dei cittadini.
Vorrei ancora ringraziare per il loro operato tutto il personale della sede centrale e dei distaccamenti periferici, il personale volontario, il personale tecnico-amministrativo, i funzionari tecnici, le organizzazioni sindacali, ma anche tutti i pensionati, l’associazione nazionale dei Vigili del fuoco e tutti coloro che, con la loro presenza, hanno dimostrato un grande affetto per la grande istituzione dei Vigili dei fuoco.
Uno speciale ringraziamento, assieme al mio personale saluto, và al geom. Renzo DA ROLD, che alla fine di questo mese andrà in quiescenza, e che ha messo a disposizione del Comando di Belluno, per oltre 40 anni di servizio, tutta la sua professionalità e la sua grande passione per questo lavoro.
Passiamo ad illustrare il lavoro svolto dal Comando di Belluno nel corso dell’anno 2011.
Il Comando provinciale dei Vigili del fuoco di Belluno ha effettuato, nel corso dell’anno 2011, circa 3.885 interventi di soccorso, dato statistico positivo molto importante che conferma una riduzione del numero di interventi, già registrato anche nel 2010.
Aver fatto meno interventi non significa che abbiamo lavorato meno degli altri anni, perché abbiamo invece intensificato la nostra azione nel campo della prevenzione. La riduzione del numero di interventi di soccorso, pertanto, è un risultato importante e tangibile che mette in risalto la riduzione del livello di rischio, conseguente all’applicazione delle misure di prevenzione, e la validità della nostra attività di controllo del territorio.
Gli interventi sono così distinti:
337 interventi per incendio
48  interventi per incendi boschivi e sterpaglie
192 interventi per recupero veicoli e merci varie
439 interventi per incidente stradale
149 interventi per frane, crolli e dissesti statici
271 interventi per straripamenti, allagamenti e prosciugamenti
5 interventi per rifornimento idrico
272 interventi per servizi su sede stradale
508 interventi per soccorso a persona e per ricerca persone disperse
3 interventi per recupero salma
36 interventi per fuga di gas
29 interventi per bloccaggio ascensore
119 interventi per salvataggio animali
Per quanto riguarda il servizio di prevenzione incendi sono stati emanati:
299 pareri di conformità antincendio su fabbriche e attività pericolose
486 pareri di deroga
935 sopralluoghi di controllo di prevenzione incendi in attività pericolose.
Sono stati effettuati inoltre 196 servizi di vigilanza antincendio presso locali di pubblico spettacolo, fiere e impianti sportivi.
L’attività di formazione antincendio alle aziende del territorio registra il seguente dato:
25 corsi di formazione antincendio con 445 attestati di partecipazione rilasciati
32 esami di abilitazione per addetti antincendio con 340 attestati di idoneità tecnica rilasciati».

Share
- Advertisment -


Popolari

Tre interventi di soccorso in montagna

Belluno, 25 - 10 - 20    Alle 11 circa la Centrale del 118 è stata allertata dagli amici di un ragazzo colto da...

50 nuovi volontari della Protezione Civile. Padrin e Bortoluzzi: «Le tute fluo sono sempre più indispensabili per il nostro territorio»

Si è concluso oggi, domenica 25 ottobre, l'ultimo corso di Protezione Civile organizzato e curato dalla Provincia di Belluno. Hanno partecipato 50 persone, soprattutto...

Festa del ringraziamento, Padrin: «Un plauso doveroso ai nostri agricoltori, presidio della montagna e orgoglio del territorio»

«Un grazie enorme agli agricoltori e allevatori bellunesi: sono il presidio della nostra montagna e rappresentano l’orgoglio delle nostre vallate». Lo ha detto il...

Dpcm 25 ottobre. Scarzanella: «Il governo premi chi rispetta e ha rispettato le regole»

Confartigianato chiede ristori economici per le attività costrette a chiudere o ridimensionare il lavoro.  «Parrucchieri ed estetisti possono tenere aperto, perché rispettano i protocolli: ci...
Share