13.9 C
Belluno
giovedì, Ottobre 22, 2020
Home Cronaca/Politica Bim Gsp. Prade: "Il prossimo Consiglio di Amministrazione sia formato da persone...

Bim Gsp. Prade: “Il prossimo Consiglio di Amministrazione sia formato da persone estranee ai partiti”. Ma devono essere indicate dai sindaci…

Pubblichiamo l’intervento del sindaco di Belluno Antonio Prade (Pdl) sulle vicende della società Bim Gsp.
Sulla questione GSP – Servizio Idrico Integrato – assisto esterrefatto a una polemica politica grossolana e sostanzialmente inconcludente. Io, che sulla questione dell’acqua pubblica ho assunto a suo tempo, prima del referendum abrogativo, una posizione chiara, vorrei oggi aggiungere alcuni punti fermi, innanzitutto nell’interesse di coloro che sono stato chiamato ad amministrare, i cittadini di Belluno. Ripeto quello che ho detto alcuni mesi fa in Consiglio Comunale: che qui nessuno è senza peccato, che se siamo arrivati a questo punto vuol dire che Sindaci, Presidenti di Provincia, ATO e Amministratori di GSP, per un complesso di responsabilità difficilmente districabili, non hanno fatto evidentemente tutto quello che dovevano fare. Difficilissimo ma non impossibile uscire oggi da questa situazione. Per fare questo occorre però che si realizzino urgentemente – e sottolineo: urgentemente – alcune condizioni. Innanzitutto occorre che il prossimo Consiglio di Amministrazione sia formato da persone estranee ai partiti, competenti e desiderose di lavorare per quel bene comune che è la nostra acqua. La loro indicazione spetta ai sindaci e io farò la mia parte affinché questa scelta possa avvenire all’unanimità, perché sarebbe un segnale di forte coesione del bellunese. Occorre poi un ripensamento dell’azionariato di GSP, perché non è più ammissibile che il Comune di Belluno conti per un sessantasettesimo quando si tratta di prendere le decisioni e che i suoi cittadini contino invece per un quinto o giù di lì quando occorre ripianare i debiti. Questa situazione paradossale, pur se in misura diversa, riguarda anche altri Comuni. Qui, con tutta evidenza, sta il nocciolo del problema, perché l’azionariato “diffuso” di GSP non ha mai consentito la formazione di solide maggioranze di controllo della società, premessa alla deresponsabilizzazione generale che oggi è sotto gli occhi di tutti. Vediamo dunque di avviare questa riflessione, di mettere le basi di un nuovo assetto societario di GSP più coerente con gli interessi in campo. Senza questo passaggio, non è affatto semplice caricare indistintamente sugli utenti del servizio idrico integrato la somma di 100 euro. Il Comune di Belluno non è più disponibile, altrimenti, a sopportare questo sistema. Quanto prima si realizzeranno questi passaggi, tanto prima, per quanto mi riguarda, potremo mettere in fila con serenità i problemi e trovare le soluzioni appropriate. Da questo punto di vista, il documento dei “saggi” rappresenta una buona base di partenza per consentire ai sindaci di decidere. E si tratta di decisioni che devono essere urgenti, perché GSP deve rientrare con le banche ma deve anche pagare le molte imprese bellunesi che per GSP hanno lavorato e che non possono rimanere scoperte. Mi auguro soltanto di non assistere all’indecoroso spettacolo di questi giorni, dove la gara è a chi è più bravo a non assumersi le proprie responsabilità. Antonio Prade Sindaco di Belluno

Share
- Advertisment -


Popolari

Aperto alla Fiera di Padova il Salone auto e moto d’epoca. Inaugurazione ufficiale venerdì mattina alle 11

Oggi è il giorno di Auto e Moto d’Epoca a Padova. Uno dei più importanti appuntamenti internazionali dedicati ai veicoli storici apre i...

Ordinanza sugli orari di sale slot. Il Tar dà ragione al Comune di Belluno e respinge la richiesta di sospensiva

Nuova vittoria del Comune di Belluno al tribunale amministrativo in materia di gioco d'azzardo: la Terza Sezione del TAR Veneto ha infatti respinto la...

Stefano Bellotto è il nuovo presidente di Adiconsum

Stefano Bellotto è il nuovo presidente di Adiconsum Belluno Treviso, l'Associazione dei consumatori promossa dalla Cisl. 50 anni, trevigiano, residente ad Auronzo di Cadore,...

A Cancia è arrivata la briglia “Sabo dam”. Bortoluzzi: «Entro fine anno l’installazione»

Lavori in dirittura d'arrivo a Borca di Cadore. Nei giorni scorsi è arrivata la struttura componibile della briglia "Sabo dam", l'opera principale dell'imponente lavoro...
Share