13.9 C
Belluno
lunedì, Ottobre 26, 2020
Home Cronaca/Politica Italiani: servitori, grandi opportunisti e vigliacchi. Salvate Bossi, l'ultimo dei mohicani! ...

Italiani: servitori, grandi opportunisti e vigliacchi. Salvate Bossi, l’ultimo dei mohicani! * di Paolo Bampo… un espulso della prima ora

Che gl’italiani fossero un popolo di servitori, lo diceva già Benito Mussolini. Oggi però, il giudizio che dà Paolo Bampo (tre legislature in Parlamento con la Lega Nord, ma non ama essere chiamato onorevole), degli italiani e, in particolare dei militanti della Lega, è ancora peggiore: servitori e “grandi opportunisti e vigliacchi”.
Ecco il testo della lettera

 

Paolo Bampo

Bossi finito! La lega è morta. Il Capo sbaglia. Lega Soviet?e via di seguito un mucchio di altre sciocchezze.
La verità è una sola. I militanti sfiduciati, quelli impauriti, i molti presi dall’istinto di sciacallaggio, dimostrano di essere uguali a quegli italiani che loro affermano di voler combattere.
Solo pusillanimi senza palle, incapaci di pensare, di capire, di vedere oltre il proprio naso, ma fondamentalmente dei grandi opportunisti. Capaci di prendere quando i tempi sono favorevoli, fingendo di condividere tutte le parole del Capo, anche al costo di accettare scomodi compromessi, ma subito pronti a rinnegare  tutto e tutti. Pronti anche, con assai scarsa gratitudine, a tagliar la corda nei momenti di difficoltà. Bossi tu non sei un ingenuo, come hai fatto  a pensare di poter vincere una guerra con truppe di cui non è possibile fidarsi in battaglia?
Il 25 ottobre del 1998 avevo presentato una mozione al Congresso federale di Brescia della Lega Nord, contestando la direzione politica ed alcune derive ideologiche di Bossi ,che stavano causando un certo sconcerto e smarrimento nell’elettorato. La mozione prese la bellezza di 7 voti. Sono passati 13 anni e quello mio rimane, allora come oggi, l?unico documento ufficiale contrario ad alcuni aspetti del Bossi-pensiero di tutta la storia della Lega (nella quale ho militato dal suo 1° giorno di esistenza, dopo una militanza di altri 13 anni nella Liga Veneta).
Non si può dire quindi che dopo la mia espulsione (venni cacciato per le mie contestazioni, ma mai mi passò per la testa di andarmene) le cose siano cambiate molto.
Ora vedo quanto poco i leghisti cosiddetti militanti capiscano di politica. Hanno aspettato 13 anni per capire (?) e dire quello che dicevo allora io. Un po’ duri eh?
Oltre che vigliacchi, quindi, anche stupidi.
Non capiscono, soprattutto, come questo sia il momento per restare vicino al Capo e cercare di salvare la baracca prima che salti tutto. Mai come adesso è indispensabile aiutare Bossi e non contestarlo. E’ necessario dargli una mano per uscire dalla solitudine. Troppo facile dare ora la colpa a Bossi, quando nessuno e mai si è opposto a certi suoi atti, alle molte espulsioni , alle stramberie ideologiche e a tante altre cose, per la paura di non fare carriera o di essere espulso o anche solo deriso. La Lega è stata da tutti sempre lasciata in mano ad una persona sola. Tutte queste “verginelle” che adesso ragliano alla luna, quindi, hanno la co-responsabilità oggettiva e soggettiva di ciò che sta succedendo. Seguendo il facile opportunismo di chi è disposto a sfasciare tutto pur di trovare il centro dell’attenzione, essi rischiano oggi di buttare a mare 30 anni di attese e speranze.
Non si rendono conto di quanto, nel bene e nel male, La Lega Nord rappresenti ancora l’unica speranza di salvataggio? Bossi potrà anche non piacere più, ma incarna l’ ultimo dei Mohicani. Ucciso lui il mondo sarà dei colonizzatori.
L’unico vero problema che incatena La Lega ad un infausto destino, è l’abbraccio mortale con il nemico a cui solo Bossi può dar soluzione attraverso lo scioglimento del vincolo.

Paolo Bampo

Share
- Advertisment -


Popolari

Quattro furti in abitazione ad Alano di Piave

Alano di Piave, 25 ottobre 2020  - Quattro furti in appartamento ad Alano di Piave nella serata di ieri. Ignoti, previa effrazione degli infissi,...

Tre interventi di soccorso in montagna

Belluno, 25 - 10 - 20    Alle 11 circa la Centrale del 118 è stata allertata dagli amici di un ragazzo colto da...

Auto e Moto d’Epoca. Bilancio positivo a Padova per la 37ma edizione della rassegna

Il patron Mario Carlo Baccaglini: “Siamo molto soddisfatti. La decisione di fare la fiera nonostante il grande momento di difficoltà ed incertezza del settore...

50 nuovi volontari della Protezione Civile. Padrin e Bortoluzzi: «Le tute fluo sono sempre più indispensabili per il nostro territorio»

Si è concluso oggi, domenica 25 ottobre, l'ultimo corso di Protezione Civile organizzato e curato dalla Provincia di Belluno. Hanno partecipato 50 persone, soprattutto...
Share