13.9 C
Belluno
domenica, Ottobre 25, 2020
Home Cronaca/Politica 36enne russa precipita con il parapendio

36enne russa precipita con il parapendio

Pieve d’Alpago (BL), 11-10-11  Decollata con il parapendio dal monte Dolada, una pilota russa, N.L., 36 anni, è precipitata per una ventina di metri, dopo aver perso il controllo della vela, ed è finita tra la vegetazione sottostante. L’allarme è stato lanciato al 118 da uno dei suoi compagni poco prima delle 16. Sul posto una decina di tecnici del Soccorso alpino dell’Alpago e l’elicottero di Trento, poichè quelli del Suem di Pieve di Cadore e Treviso erano impegnati. La donna è stata raggiunta dai soccorritori e dal medico dell’equipaggio cinquanta metri circa sotto il punto di decollo. Dopo le prime cure, è stata imbarellata e trasportata a spalle tra gli alberi fino all’elicottero, che attendeva più sopra. Imbarcata, è stata poi trasportata all’ospedale di Treviso, con una sospetta frattura alla gamba e un probabile trauma alla schiena.

Share
- Advertisment -


Popolari

Dpcm del 25 ottobre 2020, ecco le nuove restrizioni in vigore da lunedì 26 ottobre al 24 novembre

E' stato diffuso il testo definitivo del nuovo Decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 25 ottobre 2020 che sarà in vigore dal...

Nasce a Ponte nelle Alpi il nuovo ambulatorio di Medicina generale che riunirà 5 medici

Un'unica sede per riunire tutti i medici di Ponte nelle Alpi: sta per nascere il nuovo ambulatorio di Medicina generale, finalizzato a offrire alla...

Rispettiamo le regole. L’appello del presidente della Provincia Roberto Padrin

In questo momento dobbiamo essere tutti responsabili. I numeri dei contagi e l'aumento dei ricoveri ospedalieri ci obbligano a comportamenti rispettosi delle regole. Dobbiamo...

Findomestic addebita a un omonimo la rata del finanziamento. Brumurelli (Associazione Io mi tutelo): “In 15 giorni abbiamo chiarito il caso con la banca...

Vedersi addebitare ogni mese delle rate di una cinquantina di euro senza sapere il perché non dev’essere piacevole. E’ successo in un Comune della Valbelluna...
Share