13.9 C
Belluno
domenica, Ottobre 25, 2020
Home Lettere Opinioni Linea ferroviaria Padova-Calalzo. Informazioni insufficienti di Trenitalia sulla chiusura dal 4 al...

Linea ferroviaria Padova-Calalzo. Informazioni insufficienti di Trenitalia sulla chiusura dal 4 al 17 luglio

Vorrei segnalare alcune cose riguardanti la temporanea chiusura della linea ferroviaria Padova – Calalzo da Montebelluna in su prevista dal 4 al 17 luglio.

Le informazioni che Trenitalia e RFI hanno fornito fino ad ora sono scarse e confusionarie e credo che l’utente occasionale o turista si potrebbe trovare a disagio.
Nella quotidianità di pendolari, io ed altri, abbiamo chiesto a più persone di Trenitalia e guardato i tabelloni o avvisi.
In sintesi:
– nelle stazioni non vi sono cartelli informativi che richiamino l’attenzione sui temporanei cambiamenti di servizio e chiusura linea
– le variazioni sono riportate sui nuovi tabelloni gialli dell’orario valido dal 12/6 al 11/12/2011
– queste variazioni nei tabelloni non sono chiare da capire e immediate e in caso di stazione senza personale a cui chiedere è impossibile programmarsi il viaggio
– i nuovi tabelloni gialli aggiornati ad oggi 30/6 non sono ancora presenti in tutte le stazioni (mancano sicuramente a Fener e Cornuda)
– nei tabelloni a Padova i treni sono indicati fino a Montebelluna, non c’è riferimento che da Montebelluna a Belluno c’è bus
Leggendo i tabelloni, consultando l’orario in internet e chiedendo siamo riusciti a capire che:
– la linea è chiusa solo durante i giorni lavorativi, sabato e domenica i treni circolano regolarmente con gli orari festivi
– le corriere sostitutive coprono la tratta Belluno-Montebelluna, ma in alcune fasce orarie Belluno – Castelfranco Veneto (e viceversa ovviamente)
– non tutti i treni hanno il bus sostitutivo
– mediamente per la tratta Feltre-Padova il tempo di percorrenza è aumentato di mezzora circa
– i treni verso Padova sono previsti in arrivo a Padova di una decina di minuti più tardi dell’attuale orario
– il bus ferma in tutte le stazioni, ma in realtà per le stazioni più piccole (Bribano, Santa Giustina, Busche, Fener, Pederobba, Levada) non arriva fino davanti alla stazione ma si ferma al generico “Strada statale bivio FS” (esistono ancora le strade statali? Ci sarà un cartello informativo che indica il punto dove si ferma il bus? Si deve andare in stazione a fare il bilgietto e poi portarsi al bivio della statale?)
– da Feltre mediamente il bus parte con una decina di minuti di anticipo rispetto al treno programmato e dovrebbe arrivare a Montebelluna con circa 10 minuti di anticipo rispetto alla partenza del treno
– a Montebelluna (o Castelfranco) non ci sarà comunicazione tra autista bus e capotreno, quindi se il bus è in ritardo ed è l’orario di partenza del treno il capotreno fa partire perchè non ha motivo e autorizzazione di far ritardo e non è informato se l’autobus è arrivato o no. Ovviamente sarà anche il contrario per il ritorno, ma forse con meno disagio.
Ricordando che queste sono informazioni carpite qua e la e che non sono esaustive e forse neanche precisissime si spera di aver offerto almeno uno stimolo ad informarsi molto bene e per tempo.

Lucio D’Alberto e una decina di altri pendolari bellunesi

Share
- Advertisment -


Popolari

Dpcm del 25 ottobre 2020, ecco le nuove restrizioni in vigore da lunedì 26 ottobre al 24 novembre

E' stato diffuso il testo definitivo del nuovo Decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 25 ottobre 2020 che sarà in vigore dal...

Nasce a Ponte nelle Alpi il nuovo ambulatorio di Medicina generale che riunirà 5 medici

Un'unica sede per riunire tutti i medici di Ponte nelle Alpi: sta per nascere il nuovo ambulatorio di Medicina generale, finalizzato a offrire alla...

Rispettiamo le regole. L’appello del presidente della Provincia Roberto Padrin

In questo momento dobbiamo essere tutti responsabili. I numeri dei contagi e l'aumento dei ricoveri ospedalieri ci obbligano a comportamenti rispettosi delle regole. Dobbiamo...

Findomestic addebita a un omonimo la rata del finanziamento. Brumurelli (Associazione Io mi tutelo): “In 15 giorni abbiamo chiarito il caso con la banca...

Vedersi addebitare ogni mese delle rate di una cinquantina di euro senza sapere il perché non dev’essere piacevole. E’ successo in un Comune della Valbelluna...
Share