13.9 C
Belluno
martedì, Ottobre 27, 2020
Home Cronaca/Politica Fondazione Dolomiti Unesco: al via il progetto di rilancio delle Dolomiti patrimonio...

Fondazione Dolomiti Unesco: al via il progetto di rilancio delle Dolomiti patrimonio dell’umanità

Prende corpo il grande progetto di rilancio dell’area dolomitica presentato dal Veneto, regione capofila, assieme a Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, le cui finalità  riguardano anche azioni promozionali su alcuni mercati esteri e sul mercato italiano, per il potenziamento e la diffusione del brand Dolomiti, inteso come concetto di area e non tanto di suddivisione amministrativa.  
Grazie ai cinque milioni e 150 mila euro di finanziamenti ministeriali in arrivo per la promozione delle Dolomiti Unesco, di cui ricordiamo 3 milioni alla provincia autonoma di Trento, 1.650.000 euro alla Regione Veneto, 200.000 al Friuli Venezia Giulia e 300.000 alla provincia autonoma di Bolzano, sarà  possibile cantierare una serie di iniziative che hanno il duplice scopo di promuovere da un lato i siti Unesco, dall’altro le attività turistiche della montagna estiva.

Alberto Vettoretto

Giovanni Campeol

Per i siti Unesco, in particolare, un primo elenco di progetti  condivisi da attivare a breve è stato stilato nel corso dell’incontro che si è svolto nella sede dell’amministrazione provinciale di Belluno alla presenza del presidente della Fondazione Dolomiti Unesco, Alberto Vettoretto, il segretario generale, Giovanni Campeol e l’assessore regionale al turismo, Marino Finozzi.    
Il crono programma degli interventi vede in primissimo piano la progettazione di reti per il turismo sostenibile e di una strategia di comunicazione per la diffusione su vasta scala della conoscenza del patrimonio Dolomiti Unesco. “Fondamentale – ha detto l’assessore regionale veneto Marino Finozzi – dare alle Dolomiti un’immagine turistica che rafforzi l’idea di una montagna aperta e viva. Da sempre sostengo che i primi veri custodi della montagna sono i suoi stessi abitanti, per questo dobbiamo spingere affinché si consolidi l’idea di un turismo sostenibile e nel pieno rispetto dell’ambiente naturale, perché chi decide di trascorrere le vacanze nella cornice delle nostre montagne, uniche al mondo, sia consapevole di trovarsi in un patrimonio naturale da rispettare e salvaguardare, in perfetta armonia e nel pieno rispetto di chi la montagna la vive tutti i giorni”.
Nell’elenco delle iniziative condivise da attuare entro breve tempo trova spazio anche la progettazione dei cartelli stradali identificativi dei siti Unesco che coinvolgerà le province di Belluno, Bolzano, Trento, Pordenone e Udine in coordinamento con le Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia.

Share
- Advertisment -


Popolari

Nessuna violazione al codice deontologico. Archiviata l’accusa di Gidoni al direttore di Bellunopress

Il Consiglio di Disciplina Territoriale dell'Ordine dei Giornalisti del Veneto, nella riunione del 16 luglio 2020, delibera "il non doversi procedere per il presente...

Non c’è stato alcun mobbing. La Corte d’Appello rovescia la sentenza del giudice del lavoro e accoglie il ricorso del Comune di Belluno

La Sezione Lavoro della Corte d'Appello di Venezia ha accolto il ricorso del Comune di Belluno contro la sentenza non definitiva del Tribunale di...

Il supermercato A&O del centro città riapre. La proprietà Cestaro/Unicomm conferma la decisione al consigliere Addamiano

Belluno, 27 ottobre 2020  -  C'è una buona notizia per i residenti del centro città, il supermercato A&O di Belluno, quello vicino al Teatro...

Scuole superiori, didattica digitale per il 75% degli studenti. Ordinanza regionale in vigore dal 28 ottobre

Il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha firmato la seguente ordinanza in ossequio al Dpcm del 25 ottobre che non lascia margini...
Share