13.9 C
Belluno
giovedì, Dicembre 3, 2020
Home Cronaca/Politica Stival: “E' stata la Consulta a chiedere un seggio per i veneti...

Stival: “E’ stata la Consulta a chiedere un seggio per i veneti nel mondo. Constato con piacere che il collega Bond riprende e rilancia tale proposta”

Daniele Stival

“Come può confermare il vicepresidente della Commissione Statuto del Consiglio Regionale, Giovanni Furlanetto, alla fine dello scorso mese di novembre, in un incontro tenutosi nell’ambito dei lavori della Consulta dei Veneti nel Mondo a Rovigo, venne per la prima volta presentata dai componenti di questo organismo composto dai nostri corregionali all’estero, una proposta che prevede l’attribuzione di un seggio nell’assemblea di Ferro Fini a un rappresentante eletto dagli emigrati veneti”.
L’annotazione è dell’assessore regionale ai flussi migratori, Daniele Stival, che, in merito alla proposta del capogruppo del Pdl, Dario Bond, di inserire nella nuova legge elettorale di cui il Veneto dovrà dotarsi, l’elezione di un consigliere dei Veneti nel  Mondo, precisa che “tale istanza viene innanzi tutto dal mondo dell’emigrazione ed è stata avanzata in primis dalla Consulta, a cui è attribuito principalmente il compito di programmare le iniziative che riguardano gli oltre 4 milioni e mezzo di emigrati veneti nel mondo e i loro discendenti”. “Constato con piacere – continua Stival – che il collega Bond riprende e rilancia tale proposta: significa che presta la doverosa attenzione alle istanze della Consulta. Per quanto mi riguarda, auspico che tutto il Consiglio tenga in giusta considerazione questa ipotesi, valutando con buonsenso e attenzione le sue eventuali modalità attuative. Non è, infatti, in discussione l’utilità che deriverebbe dal poter ascoltare in Consiglio Regionale la voce di chi rappresenta quella vasta e virtuosa comunità di nostri corregionali sparsi nei diversi angoli del pianeta e il cui contributo in termini di conoscenza, esperienza e capacità di relazione sarebbe preziosissima. Ma non possiamo dimenticare la confusione che ha generato a livello nazionale il voto agli italiani all’estero, trasformando una buona intenzione in un pasticcio”.  “Se il Consiglio Regionale deciderà di riservare al proprio interno una rappresentanza al mondo migratorio – ha concluso Stival – lo faccia ponderando bene norme e regolamenti, evitando situazioni di impasse alle nostre Istituzioni che arrecherebbero un grave danno a tutti e getterebbero ingiustamente una cattiva luce su questa iniziativa e su chi l’ha proposta”.

Share
- Advertisment -

Popolari

In arrivo 19 medici, 5 infermieri e 46 Operatori socio sanitari

Continua il rafforzamento dell’Ulss Dolomiti. Oggi sono stati assunti 46 OSS (Operatori Socio Sanitari) e sono stati conferiti incarichi libero professionali per l’emergenza COVID...

Spostamenti vietati tra comuni a Natale e Capodanno. De Carlo: “Discriminate le aree periferiche e montane. Il Governo riveda la norma”

“La chiusura dei confini comunali a Natale e Capodanno è una discriminazione verso le aree periferiche e montane. Il Governo riveda la norma e...

Verso un Natale e Capodanno blindati. Zaia: ” Chi vive a Milano o Roma è alla stessa stregua di chi vive in Comuni come...

Questa volta è un decreto legge con soli due articoli che lo stabilisce, blindato, come saranno blindate le nostre festività. In sintesi: Natale e Capodanno...

Nuovo decreto covid. Bussone (Uncem) e Zaia: “Consentire lo spostamento tra Comuni montani della stessa valle”

"Uncem, con i sindaci di Comuni montani, perlopiù piccoli o piccolissimi nel numero di popolazione, chiede al Governo di consentire gli spostamenti tra i...
Share