13.9 C
Belluno
martedì, Settembre 22, 2020
Home Meteo, natura, ambiente, animali Fuoriuscita di polveri dal cementificio Buzzi Unicem di Cadola: le rassicurazioni dell'amministrazione...

Fuoriuscita di polveri dal cementificio Buzzi Unicem di Cadola: le rassicurazioni dell’amministrazione comunale

Tantissimi cittadini hanno segnalato all’amministrazione comunale l’emissione di una grande quantità di polveri  avvenuta sabato scorso 16 aprile tra le ore 12.30 e le ore 14.00 dal cementificio Buzzi Unicem di Cadola (Ponte nelle Alpi).  La nuvola, visibile da tutto l’Oltrerai, ha interessato anche la statale riducendo la visibilità per i veicoli in transito, ed ha preoccupato i cittadini memori del fatto che  in passato il cementificio è stato autorizzato ad incenerire rifiuti pericolosi.  “Sembra che in questo caso si tratti di una fuoriuscita di polveri di cemento” dichiara l’assessore all’ambiente del Comune Ezio Orzes “Abbiamo comunque chiesto spiegazioni alla direzione dell’azienda Buzzi Unicem,  e all’Arpav di accertare la reale entità del problema che si è verificato”. “Dal 2005” dichiara l’Assessore “il cementificio non brucia più rifiuti pericolosi e grazie  ad un accordo con l’amministrazione comunale siglato nel 2007 l’azienda si è impegnata a non incenerire più rifiuti pericolosi”.  “Questo impegno scade alla fine di quest’anno ma”, afferma Ezio Orzes “per l’ amministrazione comunale  questa  sospensione sarà definitiva, una moratoria definitiva di fatto. Siamo convinti che l’impiego di combustibili derivati da miscele di rifiuti pericolosi sia incompatibile con gli obiettivi di tutela della salute di cittadini; gli incidenti, come vediamo, accadono, e se dovessero interessare sostanze tossiche i problemi potrebbero essere molto gravi”. “Con la Provincia di Belluno e l’Arpav stiamo lavorando per costituire un tavolo tecnico che, in accordo con l’azienda, definisca le migliori tecnologie possibili da adottare per contenere le emissioni del cementificio.”

Share
- Advertisment -



Popolari

Verona, elezioni suppletive al Senato. Trionfo di De Carlo che ricorda Bertacco: “Il centrodestra unito è inarrestabile; questo esecutivo non risponde più alla nazione”

Luca De Carlo è stato eletto senatore. E' il primo nella storia a ricoprire il ruolo di deputato e senatore nel corso della stessa...

Accesso ai servizi Inps. Collaborazione con la Provincia, Comuni e Unioni montane

E' stata presentata questa mattina a Palazzo Piloni, sede della Provincia, l'accordo di collaborazione tra Inps, Amministrazioni comunali locali del territorio e Unioni montane....

Vince il sì, vince il popolo sovrano. Il futuro Parlamento avrà 600 membri, 345 in meno dell’attuale

I dati non sono ancora noti, ma le proiezioni non lasciano dubbi. Davvero qualcuno poteva credere che il popolo sovrano si precipitasse in massa...

Regionali Veneto 2020: di quanto Zaia supererà se stesso?

Questa sera, lunedì 21 settembre, sapremo di quanto Zaia ha superato sé stesso accingendosi per la terza volta a fare il presidente di Regione....
Share