13.9 C
Belluno
sabato, Gennaio 16, 2021
Home Meteo, natura, ambiente, animali Fuoriuscita di polveri dal cementificio Buzzi Unicem di Cadola: le rassicurazioni dell'amministrazione...

Fuoriuscita di polveri dal cementificio Buzzi Unicem di Cadola: le rassicurazioni dell’amministrazione comunale

Tantissimi cittadini hanno segnalato all’amministrazione comunale l’emissione di una grande quantità di polveri  avvenuta sabato scorso 16 aprile tra le ore 12.30 e le ore 14.00 dal cementificio Buzzi Unicem di Cadola (Ponte nelle Alpi).  La nuvola, visibile da tutto l’Oltrerai, ha interessato anche la statale riducendo la visibilità per i veicoli in transito, ed ha preoccupato i cittadini memori del fatto che  in passato il cementificio è stato autorizzato ad incenerire rifiuti pericolosi.  “Sembra che in questo caso si tratti di una fuoriuscita di polveri di cemento” dichiara l’assessore all’ambiente del Comune Ezio Orzes “Abbiamo comunque chiesto spiegazioni alla direzione dell’azienda Buzzi Unicem,  e all’Arpav di accertare la reale entità del problema che si è verificato”. “Dal 2005” dichiara l’Assessore “il cementificio non brucia più rifiuti pericolosi e grazie  ad un accordo con l’amministrazione comunale siglato nel 2007 l’azienda si è impegnata a non incenerire più rifiuti pericolosi”.  “Questo impegno scade alla fine di quest’anno ma”, afferma Ezio Orzes “per l’ amministrazione comunale  questa  sospensione sarà definitiva, una moratoria definitiva di fatto. Siamo convinti che l’impiego di combustibili derivati da miscele di rifiuti pericolosi sia incompatibile con gli obiettivi di tutela della salute di cittadini; gli incidenti, come vediamo, accadono, e se dovessero interessare sostanze tossiche i problemi potrebbero essere molto gravi”. “Con la Provincia di Belluno e l’Arpav stiamo lavorando per costituire un tavolo tecnico che, in accordo con l’azienda, definisca le migliori tecnologie possibili da adottare per contenere le emissioni del cementificio.”

Share
- Advertisment -

Popolari

Petizione al sindaco di Belluno: no alla strada a scorrimento veloce vicino a scuole e case

"Oggi abbiamo consegnato al Sindaco della nostra città 552 firme di cittadini che chiedono all’Amministrazione Comunale di lasciar decadere una volta per tutte il...

Vertice Provincia-Enel. Padrin: «Abbiamo parlato di fasce di rispetto, presidi territoriali e investimenti futuri. Grazie al ministro D’Incà per aver fatto da tramite»

A seguito dell'incontro a Roma di metà dicembre, la Provincia di Belluno ha tenuto venerdì scorso in videoconferenza una riunione con i vertici di...

Calalzo di Cadore, piano di sviluppo per l’area di Lagole. De Carlo: “Reperire risorse per la gestione e un concorso di idee per sostenere...

Il Comune di Calalzo di Cadore punta ancora forte sull'area di Lagole: "Stiamo lavorando a un progetto che ne migliori la fruibilità e ci...

Video del Soccorso alpino e Cai: “Scegliete un’altra montagna, meno rischiosa ma non meno coinvolgente”

Milano, 16 gennaio 2020  "Scegliete un'altra montagna: meno rischiosa, ma non meno coinvolgente". Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico e il Club alpino italiano...
Share