13.9 C
Belluno
giovedì, Dicembre 3, 2020
Home Cronaca/Politica Bond e Lattebusche si schierano a favore degli Ogm, Organismi geneticamente modificati....

Bond e Lattebusche si schierano a favore degli Ogm, Organismi geneticamente modificati. Zaia a Vinitaly prende le distanze: “non è solo una scelta produttiva ma anche etica”

Dario Bond

“Basta con le posizioni ideologiche sugli Ogm. I nostri allevatori sono preoccupati”. A dirlo, a margine dell’assemblea annuale di Lattebusche, è il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond che questa mattina (venerdì 8 aprile) a Feltre ha partecipato all’evento con il presidente della Commissione Statuto a Venezia Carlo Alberto Tesserin. Di segno opposto le dichiarazioni del presidente della Regione Luca Zaia, da sempre contrario agli Ogm che a mergine di Vinitaly di Verona ha dichiarato all’agenzia AdnKronos: “Abbiamo necessità di ricordare che un Paese che ha puntato sulla tipicità dei prodotti, non può fare una scelta diversa” ovvero approvare l’impiego degli Ogm.  L’agricoltura italiana – ha ricordato il governatore del Veneto –  non può fare ”la guerra ai costi di produzione con gli altri competitor perché non possiamo vincere, sotto questo aspetto, con i cinesi che vengono pagati 5 euro al giorno. Il nostro vantaggio – ha concluso – è l’identità produttiva, ma se facciamo pomodoro transgenici come li fanno loro non c’è identità produttiva”!
Durante l’incontro di stamane a Feltre, invece, molti allevatori che fanno capo alla LatteBusche hanno manifestato le loro preoccupazioni sull’ondata anti-Ogm che sembra spirare in Veneto: “Buona parte dei mangimi è composto da soia Ogm. E questo vale per tanti altri prodotti come il mais”, afferma Bond. “Nei mangimi l’Ogm – secondo il consigliere regionale –  è sdoganato da tempo e guai se non ci fosse. Ricordo anche, che la scienza ha negato ogni rischio per la salute dell’uomo e del bestiame. Il dato è assodato, certo”. “Gli allevatori –  prosegue Bond – sono preoccupati che un’eventuale legge anti-ogm possa provocare aumenti ingiustificati dei prezzi. Aumenti che, in un momento di crisi come questa, non si possono permettere. Molti di loro potrebbero addirittura chiudere i battenti”. Durante l’assemblea è stato fatto riferimento a una recente proposta di legge regionale presentata in Consiglio regionale: “Chiedo agli estensori e al Carroccio in particolare di ritornare sui loro passi. Bisogna giudicare l’Ogm senza pregiudizi e con un atteggiamento scientifico, cosa che finora non è stata fatta. Gli allarmismi non servono e soprattutto possono fare danni economici incalcolabili”.  Insomma, la lezione delle polveri d’amianto dei cantieri navali di Marghera negli anni ’70 non è servita a nulla, ancora una volta i profitti prevalgono sulla salute. Siamo davvero certi che non succederà proprio nulla ai bambini che oggi si nutrono con cibi Ogm?

Share
- Advertisment -

Popolari

Abbondanti precipitazioni da venerdì pomeriggio. Divieti di circolazione dei mezzi pesanti

Belluno, 3 dicembre 2020  - Si è riunito stamane, in videoconferenza, il Comitato Operativo Viabilità, con la presenza delle Forze dell’Ordine, dei Vigili del...

In arrivo 19 medici, 5 infermieri e 46 Operatori socio sanitari

Continua il rafforzamento dell’Ulss Dolomiti. Oggi sono stati assunti 46 OSS (Operatori Socio Sanitari) e sono stati conferiti incarichi libero professionali per l’emergenza COVID...

Spostamenti vietati tra comuni a Natale e Capodanno. De Carlo: “Discriminate le aree periferiche e montane. Il Governo riveda la norma”

“La chiusura dei confini comunali a Natale e Capodanno è una discriminazione verso le aree periferiche e montane. Il Governo riveda la norma e...

Verso un Natale e Capodanno blindati. Zaia: ” Chi vive a Milano o Roma è alla stessa stregua di chi vive in Comuni come...

Questa volta è un decreto legge con soli due articoli che lo stabilisce, blindato, come saranno blindate le nostre festività. In sintesi: Natale e Capodanno...
Share