13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 19, 2020
Home Lettere Opinioni La solidarietà dell'onorevole Bampo all'assessore Sacchet

La solidarietà dell’onorevole Bampo all’assessore Sacchet

Vaccari e Gheddafi: a cosa si è disposti pur di restar in sella.
Il siluramento di Elio Sacchet (assessore al Comune di Feltre ndr) risponde  alle grigie logiche della politica partitica, che quasi mai prende in considerazione  l’esperienza, o la competenza dell’individuo. Spesso in politica, infatti, personaggi di valore vengono penalizzati anche solo perché  si trovano nel bel mezzo di una contesa in cui i protagonisti sono obbligati a garantirsi, anche controvoglia, reciproche compensazioni, in barba alle aspettative ed agli interessi  dei cittadini. Sacchet, persona che il PAB da sempre considera degna di rivestire incarichi importanti, è stato, da Vaccari, oggi sacrificato in nome della più becera politica. Non bastasse ciò, è stato anche rinnegato dai fedelissimi del Sindaco, infiltrati in “Noi Feltre” ed andati in soccorso del più forte.  Nonostante la conduzione politica del Comune non sia particolarmente brillante o serena,  Vaccari sente la necessità di mantenersi in sella sulla poltrona di Sindaco. Il peggio è però che,  con un comportamento  assai poco leghista e molto da prima Repubblica, per farlo,non esita a sacrificare i propri uomini,  come Gheddafi  che, per mantenersi in sella al governo della Libia, non esita a sparare sul proprio popolo. Dov’è la differenza tra i due? Come il genocidio, anche il cannibalismo (compreso quello metaforico-politico), va sempre condannato.  L’ uomo di potere, infatti, colto dai motivi personali più vari e adducendo magari un falso senso di responsabilità pubblica (è il Popolo che lo vuole)o di garanzia divina (Dio è con noi), a volte sacrifica gli altri per non perdere il proprio potere, piccolo o grande che sia.  Esprimo pertanto a Sacchet che, attraverso le molte iniziative poste in campo,  ha saputo dimostrare di essere un attivo e capace assessore, la più viva solidarietà mia personale e del PAB (Provincia Autonoma Belluno, partito territoriale non ideologico). Con antica stima ricordo che proprio a lui, ben prima che a Vaccari, il quale all’epoca  era ancora segretario comunale del Partito Liberale,  la Lega Nord, offrì  nel 1993 una candidatura (all’interno della propria lista), che avrebbe potuto anche essere quella vincente a Sindaco di Feltre. Probabilmente per coerenza con le proprie idee o per modestia,  Sacchet allora non accettò, spianando così la strada a colui il quale oggi lo silura. Ora che tanto tempo è passato e che molte situazioni sono cambiate, auspico che   Sacchet  accetti di candidarsi Sindaco di Feltre in nome di un approccio amministrativo e non politico alla gestione del nostro territorio .   Sono sicuro che gli elettori di Feltre saprebbero apprezzarlo.
In quest’ottica, Il  PAB  potrebbe iniziare a lavorare al suo fianco sin da domani.
Paolo Bampo   –     PAB (Partito Autonomista Bellunese)

Share
- Advertisment -



Popolari

Gli appuntamenti di settembre e ottobre all’Insolita storia

Proseguono gli appuntamenti culturali al bar Insolita Storia di Belluno. Dopo il successo di giovedì 17 settembre con la presentazione del libro "sette giorni...

Auto e moto d’epoca. Il più importante mercato europeo dal 22 al 25 ottobre alla Fiera di Padova

Torna la rassegna Auto e moto d'epoca alla Fiera di Padova dal 22 al 25 ottobre 2020 L'edizione di quest'anno inizia all’insegna dell’emozione con due...

L’Ugo nel pagliaio. Venerdì alla Libreria Tarantola la presentazione del libro di Rapezzi

Riprendono gli incontri alla Libreria Tarantola di Belluno. Venerdì 25 settembre con inizio alle 18.30 si terrà la presentazione dell’ultimo libro di Ugo Rapezzi....

Contributi regionali per 6 milioni e mezzo per la valorizzazione delle destinazioni turistiche i

Venezia, 18 settembre 2020   “Le conseguenze del lungo periodo di lockdown ci hanno imposto la necessità di un rilancio complessivo e immediato dell’economia veneta...
Share