13.9 C
Belluno
giovedì, Dicembre 3, 2020
Home Cronaca/Politica Boati: in Alpago si verificano le eventuali zone di accoglienza Riunione tecnica...

Boati: in Alpago si verificano le eventuali zone di accoglienza Riunione tecnica questa mattina a Puos. Un ulteriore incontro è fissato per il 7 marzo

Un vademecum aggiornato sul rischio sismico e la verifica di capienza e accessibilità delle zone di accoglienza. Sono stati questi i due principali argomenti affrontati in mattinata nella sede della Comunità Montana dell’Alpago, in occasione dell’incontro voluto dalla Provincia di Belluno per fare il punto sui “boati” del Fadalto, incontro al quale hanno partecipato i rappresentanti  della Comunità Montana dell’Alpago e dei Comuni di Chies d’Alpago, Farra d’Alpago, Pieve d’Alpago, Puos d’Alpago, Ponte Nelle Alpi e Tambre, oltre a un tecnico della Regione Veneto e dei Vigili del Fuoco. Pur non essendo intervenute novità relativamente ai “boati”, la cui origine nei giorni scorsi è stata circoscritta a una zona di 1500 metri di diametro (e a meno di 1500 metri di profondità) nella zona di Fadalto Bassa, si è deciso di approntare la distribuzione di un vademecum aggiornato sul rischio sismico, tenuto conto anche del fatto che l’Alpago è zona sismica (a prescindere dal recente fenomeno “boati”). La pubblicazione sarà a cura dei Comuni del distretto dell’Alpago (Chies, Farra, Pieve, Puos, Tambre e Ponte nelle Alpi) e con la supervisione di Provincia di Belluno e Regione Veneto.  E’ stata anche fissata la data della prossima riunione tecnica: si svolgerà lunedì 7 marzo alle 9, sempre nella sede della Comunità Montana dell’Alpago. Per quella data, l’impegno dei diversi enti coinvolti sarà quello di verificare il proprio piano di protezione civile, con particolare riferimento alle zone  che sono state identificate come “aree di accoglienza”, esaminandone capienza, accessibilità e dotazione  di servizi. Questo per verificare l’autosufficienza complessiva del Distretto (nel quale abitano all’incirca  20 mila persone).
«Il confronto e lo scambio di informazioni sono elementi imprescindibili per garantire a tutto il territorio la massima tranquillità e, in caso di necessità, la massima efficienza di chi è chiamato a intervenire – commenta il presidente dell’Amministrazione provinciale di Belluno, Gianpaolo Bottacin – L’incontro di oggi e quello della prossima settimana servono per armonizzare i diversi piani di protezione civile locali. E’ un ambito nel quale questa Amministrazione provinciale ha sempre lavorato intensamente, arrivando a far sì che oggi i Distretti e quasi tutti i Comuni bellunesi abbiano approvato il proprio piano, cosa che fino a un paio d’anni fa non era e che è imprescindibile per la sicurezza del territorio».

Share
- Advertisment -

Popolari

Abbondanti precipitazioni da venerdì pomeriggio. Divieti di circolazione dei mezzi pesanti

Belluno, 3 dicembre 2020  - Si è riunito stamane, in videoconferenza, il Comitato Operativo Viabilità, con la presenza delle Forze dell’Ordine, dei Vigili del...

In arrivo 19 medici, 5 infermieri e 46 Operatori socio sanitari

Continua il rafforzamento dell’Ulss Dolomiti. Oggi sono stati assunti 46 OSS (Operatori Socio Sanitari) e sono stati conferiti incarichi libero professionali per l’emergenza COVID...

Spostamenti vietati tra comuni a Natale e Capodanno. De Carlo: “Discriminate le aree periferiche e montane. Il Governo riveda la norma”

“La chiusura dei confini comunali a Natale e Capodanno è una discriminazione verso le aree periferiche e montane. Il Governo riveda la norma e...

Verso un Natale e Capodanno blindati. Zaia: ” Chi vive a Milano o Roma è alla stessa stregua di chi vive in Comuni come...

Questa volta è un decreto legge con soli due articoli che lo stabilisce, blindato, come saranno blindate le nostre festività. In sintesi: Natale e Capodanno...
Share