13.9 C
Belluno
venerdì, Settembre 25, 2020
Home Cronaca/Politica Bottacin: «Boati in Fadalto, la situazione continua a essere monitorata»

Bottacin: «Boati in Fadalto, la situazione continua a essere monitorata»

Dopo l’incontro di giovedì sera a Vittorio Veneto, un altro è programmato per lunedì mattina nella sede della Comunità Montana dell’Alpago. L’incontro sul tema “boati” del Fadalto, svoltosi ieri sera in Municipio a Vittorio Veneto, con la partecipazione dei rappresentanti delle diverse realtà interessate (tra le quali lo stesso Comune di Vittorio Veneto a quello di Farra d’Alpago, dalla Provincia di Belluno a quella di Treviso), ha confermato che l’area di origine delle vibrazioni che causano i “boati” si trova nella zona di Fadalto Bassa. Conferma c’è stata anche relativamente al fatto che l’intensità delle micro vibrazioni (le cui sorgenti sonore sono state identificate a una profondità inferiore ai 1500 metri e in un’area pari a circa 1500 metri di diametro), è bassa, vale a dire inferiore a 1 grado della scala Richter. L’area è monitorata attualmente da 12 sismografi, 7 installati dall’Istituto nazionale di oceanografia e geofisica sperimentale di Trieste, 5 da Enel. Dalla riunione di ieri sera è emerso anche come si stia provvedendo ad armonizzare i due piani di emergenza dei Comuni di Vittorio Veneto e Farra d’Alpago. In più, è stata presa la decisione di effettuare un sopralluogo sul versante del Visentin che insiste sulla Val Lapisina per verificare l’esistenza o meno di masse in frana.
«Il territorio interessato dal fenomeno dei “boati” è monitorato costantemente, per non lasciare nulla al caso – afferma il presidente dell’Amministrazione provinciale di Belluno, Gianpaolo Bottacin – In questo senso, lo scambio di informazioni e il confronto continuo sono importanti per garantire a tutti la massima tranquillità».  Per lunedì prossimo, 28 febbraio, è confermata la riunione sul dei “boati” del Fadalto convocata dal   presidente della Provincia di Belluno. All’incontro, che si terrà a partire dalle 9 nella sede della Comunità Montana Alpago (in via Papa Luciani), sono stati invitati i tecnici della Comunità Montana Alpago e dei Comuni di Chies d’Alpago, Farra d’Alpago, Pieve d’Alpago, Puos d’Alpago, Ponte Nelle Alpi e Tambre. Per conoscenza, l’invito è stato inviato anche al prefetto di Belluno e alla Regione Veneto.

Share
- Advertisment -



Popolari

Sanità bellunese sotto accusa. La mozione dei consiglieri Nicolini, Ciociano Bottaretto, De Pellegrin, Bristot, Bello, Gamba e Pingitore

E' stata presentata al presidente del Consiglio Comunale di Belluno una mozione con un lungo elenco del continuo depauperamento dei servizi sanitari a carico...

Ulss Dolomiti. Pubblicato il bando per direttore di Chirurgia vascolare. Ristrutturazione dell’ospedale di Lamon

E’ stato approvato il bando per la ricerca del direttore della Unità Operativa complessa di Chirurgia Vascolare. L’Unità Operativa Complessa, prevista dalle schede di dotazione...

Fondazione Teatri delle Dolomiti: Tiziana Pagani Cesa è la nuova presidente

Patrizia Burigo, Tiziana Pagani Cesa e Ivan Borsato i nuovi componenti del comitato di gestione della Fondazione Teatri delle Dolomiti. L'incarico di presidente è...

Puliamo il Mondo. Oltre 60 gli appuntamenti di Legambiente nel Veneto 

Il coronavirus non ferma Puliamo il Mondo. Domani, in concomitanza alla Giornata mondiale di azione per la giustizia climatica, e per tutto il week-end...
Share