13.9 C
Belluno
venerdì, Luglio 30, 2021
Home Cronaca/Politica “Per un pugno di denari Longarone vende ancora i suoi morti”. Fatto...

“Per un pugno di denari Longarone vende ancora i suoi morti”. Fatto rimuovere lo striscione che “disturbava la quiete pubblica”

E’ rimasto esposto meno di un’ora nel primo pomeriggio di domenica scorsa a Longarone lo striscione con la scritta: “Per un pugno di denari Longarone vende ancora i suoi morti”. Dopodiché, il solerte intervento della Forza pubblica a messo fine allo scomodo documento di protesta contro la nascente centralina idroelettrica, realizzato da un superstite del Vajont. Che in quella tragedia ha  perso un congiunto, vari parenti e molti compagni di scuola e amici.

Share
- Advertisment -

Popolari

Incidente mortale sulla statale Carnica

Un uomo di 63 anni C.D.A. residente a Montebelluna ha perso la vita, ferita la moglie e le due figlie. L'impatto violento è avvenuto...

Giovedì in Alpago la presentazione del libro “Il volto artistico del potere” di Erminio Mazzucco

Il cortile dietro il bar-cooperativa di Tignes ospiterà giovedì 5 agosto, con inizio alle ore 20,30, la presentazione del libro “Il volto artistico del...

Variante Delta in Veneto prevalente al 97%

Legnaro (Padova) – La variante delta del virus SARS-CoV-2 in Veneto ha una prevalenza del 97,2%. È questo il dato che emerge dell’ultima indagine rapida...

Ponte nelle Alpi, Comune anti-Covid: il 100% dei dipendenti e consiglieri è vaccinato

Il Comune di Ponte nelle Alpi alza le barriere contro il Coronavirus. E lo fa in maniera concreta: non solo a parole o attraverso...
Share