13.9 C
Belluno
domenica, Febbraio 28, 2021
Home Cronaca/Politica Afghanistan: inaugurato il nuovo pozzo a Bakitar grazie al contributo dell'Ana

Afghanistan: inaugurato il nuovo pozzo a Bakitar grazie al contributo dell’Ana

Il  7° alpini in Afghanistan ha  inaugurato sabato 22 gennaio il primo progetto Cimic, un nuovo pozzo, in supporto della popolazione locale di Baktiar.L’opera è stata possibile anche grazie al supporto economico dell’Ana di Belluno, Cadore, Feltre, Valdobbiadene e Vicenza. Il comandante della Task Force, Col. Paolo Sfarra, l’ha assegnato al capo villaggio della cittadina di 300 anime, situata nel distretto di Bakwa in provincia di Farah, con una semplicissima cerimonia allo scopo di non esporre la popolazione ad eventuali rappresaglie da parte di nuclei di insurgents ancora operanti nell’area. Tale piccolo passo rappresenta un grande successo per il personale della Task Force che, a fronte di numerosi progetti sviluppati nel distretto del Gulistan, aveva sino ad ora trovato maggiori problemi nelle relazioni con la popolazione del distretto di Bakwa. Il minuzioso lavoro svolto sul territorio negli ultimi mesi ha dato i suoi frutti e, con effetto domino, altri villaggi si sono aperti con fiducia alle forze della coalizione e forze di sicurezza afghane. Di conseguenza sono pervenute numerose richieste di supporto e, in collaborazione con le autorità locali, sono stati iniziati numerosi progetti Cimic. Il progetto è stato realizzato grazie a fondi messi generosamente a disposizione dalla Sezione di Feltre dell’Associazione Nazionale Alpini, che ha voluto con questo gesto dare un aiuto concreto al popolo afghano ed essere simbolicamente a fianco dei colleghi in armi del 7° reggimento alpini. Ammontano ad oltre 9mila euro i fondi donati dalle Sezioni Ana di Belluno, Cadore, Feltre, Valdobbiadene e Vicenza. Nel complesso le attività Cimic svolte dalla Task Force South East a partire dal 1 settembre 2010 hanno impegnato circa 200 mila euro in diversi progetti, dando così un aiuto concreto ed ottenendo il plauso e la gratitudine della popolazione dei distretti di Bakwa e Gulistan. L’impegno della Task Force, con il prezioso contributo delle autorità locali e le forze di sicurezza afgane, proseguirà al fine di sostenere la popolazione e di creare le condizioni per un futuro migliore per tutto il popolo afghano. Federica Fant

Il  7° alpini in Afghanistan ha  inaugurato sabato 22 gennaio il primo progetto Cimic, un nuovo pozzo, in supporto della popolazione locale di Baktiar.L’opera è stata possibile anche grazie al supporto economico dell’Ana di Belluno, cadore, Feltre, Valdobbiadene e Vicenza. Il comandante della Task Force, Col. Paolo Sfarra, l’ha assegnato al capo villaggio della cittadina di 300 anime, situata nel distretto di Bakwa in provincia di Farah, con una semplicissima cerimonia allo scopo di non esporre la popolazione ad eventuali rappresaglie da parte di nuclei di insurgents ancora operanti nell’area. Tale piccolo passo rappresenta un grande successo per il personale della Task Force che, a fronte di numerosi progetti sviluppati nel distretto del Gulistan, aveva sino ad ora trovato maggiori problemi nelle relazioni con la popolazione del distretto di Bakwa. Il minuzioso lavoro svolto sul territorio negli ultimi mesi ha dato i suoi frutti e, con effetto domino, altri villaggi si sono aperti con fiducia alle forze della coalizione e forze di sicurezza afghane. Di conseguenza sono pervenute numerose richieste di supporto e, in collaborazione con le autorità locali, sono stati iniziati numerosi progetti Cimic. Il progetto è stato realizzato grazie a fondi messi generosamente a disposizione dalla Sezione di Feltre dell’Associazione Nazionale Alpini, che ha voluto con questo gesto dare un aiuto concreto al popolo afghano ed essere simbolicamente a fianco dei colleghi in armi del 7° reggimento alpini. Ammontano ad oltre 9mila euro i fondi donati dalle Sezioni Ana di Belluno, Cadore, Feltre, Valdobbiadene e Vicenza. Nel complesso le attività Cimic svolte dalla Task Force South East a partire dal 1 settembre 2010 hanno impegnato circa 200 mila euro in diversi progetti, dando così un aiuto concreto ed ottenendo il plauso e la gratitudine della popolazione dei distretti di Bakwa e Gulistan. L’impegno della Task Force, con il prezioso contributo delle autorità locali e le forze di sicurezza afgane, proseguirà al fine di sostenere la popolazione e di creare le condizioni per un futuro migliore per tutto il popolo afghano. Federica Fant

Share
- Advertisment -

Popolari

L’assessore Lanzarin risponde sui 52 milioni destinati alle Ulss venete, esclusa Belluno

Dopo le varie proteste per i mancati stanziamenti della Regione Veneto all'Ulss 1 Dolomiti (nulla dei 52 milioni), nell'ordine, quella del sindaco di Belluno...

Italia Polo Challenge. Questa mattina la sfilata in centro Cortina preceduti dai carabinieri a cavallo

Italia Polo Challenge, evento che conferma il polo ‘on snow’ tra gli appuntamenti sportivi più attesi di Cortina d’Ampezzo, prosegue, seppure a porte chiuse,...

Attraversamenti faunistici. De Bon: «Obiettivo sicurezza, per gli automobilisti e per gli animali»

Provincia di Belluno e Veneto Strade sono al lavoro per prevenire gli incidenti stradali che coinvolgono la fauna selvatica. Negli ultimi vent'anni infatti sono...

Il saluto al nuovo direttore generale dell’Ulss 1 Maria Grazia Carraro

L’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Belluno dà il benvenuto alla dottoressa Maria Grazia Carraro, che per i prossimi 5 anni sarà...
Share