13.9 C
Belluno
domenica, Settembre 20, 2020
Home Lettere Opinioni Lettera alla befana

Lettera alla befana

Per Silvio Berlusconi, nei suoi interventi natalizi ed epifanici, la vera emergenza democratica del paese è la magistratura e le sue ingerenze.
Essa ha il compito di sorvegliare la legalità degli altri poteri dello stato, e per questo diventa una emergenza per il suo potere (anche con i servizi informatici bloccati perché sono stati tagliati dal governo i fondi alle aziende che forniscono il servizio).
Cara Befana, mostra al nostro sovrano, che non è la magistratura o i comunisti (molto rari di questi tempi), l’emergenza democratica del nostro paese, ma lui stesso, con il suo conflitto di interessi, con il suo strapotere nell’informazione, con la occupazione dei poteri da parte dei suoi uomini, con l’estromissione della volontà popolare nella scelta dei candidati, con la compravendita dei voti e delle persone, con i suoi amici che considerano Mangano un eroe.
Cara Befana, mostra anche agli alti prelati  del Vaticano una misura più equilibrata nei giudizi politici: se Prodi avesse fatto molto di meno di  quanto ha fatto Berlusconi, con donne, minorenni, deputati e nell’uso della diffamazione, sarebbe stato almeno scomunicato e additato come eretico.
Francesco Masut

Share
- Advertisment -



Popolari

Meteo. Instabilità da domenica, temporali da lunedì

Il Centro funzionale decentrato della Protezione Civile del Veneto, alla luce delle previsioni meteo, ha emesso un avviso di criticità idrogeologica ed idraulica, decretando...

A Mauro Case il 1° premio per il concorso fotografico L’Antico Borgo ti fa il regalo

Pasta, focacce, una zucca, una bottiglia di vino, un libro, un buono per una cena, prodotti per la cura personale, una torta al cioccolato...

Scuola. Bilancio positivo del servizio autobus. Padrin: “Aggiorneremo i dati abbonamenti a fine mese”

Si chiude la prima settimana di scuola e il trasporto pubblico comincia ad andare a regime. Dolomitibus ha aggiunto 31 autobus alla flotta solitamente...

Furto di gasolio e spaccio di droga: 13 rinvii a giudizio

Tredici persone, residenti o domiciliate tra Belluno, Longarone, Alpago, Ponte nelle Alpi e Sedico sono state rinviate a giudizio per i reati di spaccio...
Share