13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 19, 2020
Home Cronaca/Politica Tagli al sociale: Toscani: ditelo a Bond, la colpa è del Pdl...

Tagli al sociale: Toscani: ditelo a Bond, la colpa è del Pdl che si è opposto alla reintroduzione dell’addizionale Irpef

Matteo Toscani
Matteo Toscani

“Capisco e condivido la preoccupazione dei sindaci per i tagli al settore sociale previsti nel bilancio regionale in via di approvazione. Non è però al governatore Luca Zaia che si dovrebbe scrivere, bensì al capogruppo del Pdl Dario Bond. E’ il suo partito, infatti, ad essersi fermamente opposto alla reintroduzione dell’addizionale Irpef per i redditi superiori ai trenta mila euro all’anno. E queste sono le conseguenze: a pagare sono le fasce sociali più deboli”. Il vicepresidente del consiglio regionale Matteo Toscani commenta così l’allarme lanciato prima di Natale dal presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Ulss 1 di Belluno.  “Ho fatto il sindaco per quindici anni – prosegue il consigliere della Lega Nord – e conosco l’importanza dei servizi socio-sanitari, soprattutto in una realtà di montagna come la nostra. E’ vero: una comunità, per essere davvero tale, non può sacrificare gli affidi familiari, l’integrazione scolastica e lavorativa, le cooperative sociali o le organizzazioni di volontariato. Sono d’accordo con Angelo Paganin, quando sostiene che, rinunciando a questi servizi, verrebbe meno tutto quel sistema sociosanitario che sta alla base del modello veneto”. “Detto questo – afferma ancora – dobbiamo fare i conti con la realtà: le casse regionali sono vuote. Dobbiamo renderci conto che è finita un’epoca: i tagli imposti dal governo centrale, in seguito alla crisi finanziaria che ha colpito quasi tutti gli Stati, hanno prodotto conseguenze enormi sul bilancio della Regione Veneto. La giunta e il consiglio stanno lavorando per ridurre le spese inutili e e per eliminare gli sprechi. Ma non basta. Purtroppo, è stato necessario tagliare, in alcuni casi in modo drammatico, anche tutti i capitoli di spesa. Ovviamente la sanità, il trasporto pubblico e il sociale sono i settori meno interessati. Ma le conseguenze si fanno ugualmente sentire”. “In questa situazione – è l’affondo del consigliere leghista – c’è stato chi sì è opposto alla reintroduzione dell’addizionale Irpef per i redditi superiori ai trentamila euro. E dire che anche l’ex governatore Giancarlo Galan, in una recente intervista, ha dichiarato di averla eliminata perché allora era possibile. Mentre adesso…”. “Insomma – conclude Toscani – se i sindaci vogliono vedere ripristinati i fondi al sociale scrivano in particolare a Dario Bond e al Pdl. Zaia e la Lega ne sono già consapevoli”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Meteo. Instabilità da domenica, temporali da lunedì

Il Centro funzionale decentrato della Protezione Civile del Veneto, alla luce delle previsioni meteo, ha emesso un avviso di criticità idrogeologica ed idraulica, decretando...

A Mauro Case il 1° premio per il concorso fotografico L’Antico Borgo ti fa il regalo

Pasta, focacce, una zucca, una bottiglia di vino, un libro, un buono per una cena, prodotti per la cura personale, una torta al cioccolato...

Scuola. Bilancio positivo del servizio autobus. Padrin: “Aggiorneremo i dati abbonamenti a fine mese”

Si chiude la prima settimana di scuola e il trasporto pubblico comincia ad andare a regime. Dolomitibus ha aggiunto 31 autobus alla flotta solitamente...

Furto di gasolio e spaccio di droga: 13 rinvii a giudizio

Tredici persone, residenti o domiciliate tra Belluno, Longarone, Alpago, Ponte nelle Alpi e Sedico sono state rinviate a giudizio per i reati di spaccio...
Share