13.9 C
Belluno
lunedì, Marzo 1, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli L'architettura dolomitica di Silvio Bernardi in un nuovo libro

L’architettura dolomitica di Silvio Bernardi in un nuovo libro

Electa pubblica un volume dedicato al lavoro dell’architetto Silvio Bernardi che da anni lavora in una delle località montane più note al mondo Cortina d’Ampezzo. I suoi progetti sono da anni destinati alla realizzazione di case, e non solo, intendendo valorizzare l’artigianato locale e le soluzioni conservative del territorio. Tra le sue più recenti commissioni, l’esclusiva Club House del Golf di Cortina e la nuova Galleria d’arte Farsetti. Il concept alla base dei progetti dello Studio Bernardi è il rispetto e la valorizzazione delle strutture esistenti, arredi fissi e mobili, di cui cura la ristrutturazione, al fine di realizzare abitazioni capaci di integrarsi nel paesaggio senza stravolgerlo. I progetti presentano una rigorosa linearità compositiva, priva di sovraccarichi ed eccessi decorativi – “il legno, per risaltare bene in tutta la sua bellezza, deve rapportarsi al bianco, sempre” –  insiste Silvio Bernardi, che affida all’abilità artigiana del fratello Paolo la lavorazione di questo materiale. Allo stesso tempo i progetti dello Studio vedono fondersi in perfetta armonia gli elementi classici legati alla tradizione ampezzana, come la stube e le travi in legno, con nuove tendenze e giochi di luce. Il volume è  focalizzato sul lavoro d’interni, in risposta al desiderio dei due figli di Silvio Bernardi oggi sui collaboratori, Valentina e Jacopo, di omaggiare con un libro di pronta lettura la lunga carriera del padre, lasciando sullo sfondo la parte più squisitamente architettonica. L’apparato iconografico è composto dalle suggestive fotografie di Andrea Martiradonna e dai progetti disegnati a mano da Silvio con un’abilità ormai rara, da cui si evince la ricerca del rigore della logica compositiva  e dell’ottimizzazione degli spazi interni. Il saggio di Massimo Martignoni guida il lettore a leggere ed interpretare l’opera di Bernardi all’interno della storia contemporanea dell’architettura dolomitica.

Silvio Bernardi nasce a Cortina d’Ampezzo nel 1947. Architetto “da sempre”, si laurea allo Iuav di Venezia e intraprende la libera professione. A oggi lo Studio Bernardi ha realizzato oltre cinquecento progetti tra residenze private, ville, appartamenti, negozi, locali pubblici, principalmente a Cortina ma anche nel resto d’Italia e all’estero. Accanto a questa attività, sempre a Cortina l’architetto Bernardi ha realizzato opere pubbliche, tra le quali le più recenti sono l’Alexander Hall, centro polifunzionale con auditorium, centro congressi e museo; la club house e il campo da golf a diciotto buche in località Fraina, in collaborazione con l’architetto Peter Harradine. Sono in fieri numerosi progetti di restauro, recupero e riquali- ficazione edilizia.
I suoi più stretti collaboratori sono oggi i suoi figli, Valentina e Jacopo, entrambi architetti.

Silvio Bernardi architetto
Living in Cortina d’Ampezzo
AUTORI: Valentina e Jacopo Bernardi
e Francesca Lanaro (a cura di)
EDITORE: Electa
PAGINE: 264
ILLUSTRAZIONI: 292
PREZZO: 60 euro
IN LIBRERIA: dicembre 2010

Share
- Advertisment -

Popolari

Intervista a Davide Mazzon. Gli anestesisti rianimatori in prima linea nel contrasto alla pandemia

A un anno dalla diffusione della pandemia Covid-19 che ci affligge, abbiamo interpellato il dottor Davide Mazzon, da quasi 20 anni direttore del Reparto...

Conclusa l’Italia Polo Challenge Cortina 2021

Cortina d'Ampezzo, 28 febbraio 2021  -  Giocatori e cavalli protagonisti di Italia Polo Challenge Cortina 2021 lasciano la vallata ampezzana con la soddisfazione di aver...

Due interventi del Soccorso alpino

Belluno, 28 - 02 - 21   Attorno alle 12.40 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto nel comune di Tambre, per uno...

Grubissa (Federfarma) chiede un confronto al nuovo direttore generale della Ulss Dolomiti Maria Grazia Carraro

La distribuzione dei farmaci sul territorio, la collaborazione in occasione di campagne di prevenzione, le difficoltà di gestione della ricetta dematerializzata e l'erogazione dei...
Share