13.9 C
Belluno
venerdì, Dicembre 4, 2020
Home Cronaca/Politica A Belluno come a Roma si fa più forte la richiesta di...

A Belluno come a Roma si fa più forte la richiesta di verifica della maggioranza. Massaro:”Non essendoci obiettivi chiari, le attività produttive, i servizi e tutti i lavoratori stanno lavorando nel caos”

Sulla richiesta di una verifica di maggioranza da parte del Presidente del Consiglio Cugnach interviene anche l’opposizione, ponendosi un interrogativo:  cosa farà la Città da qui ai prossimi 18 mesi, quando ci saranno prossime elezioni comunali? Da un paio di anni l’opposizione denuncia la mancanza di una maggioranza, spesso suscitando reazioni rabbiose da parte dell’Amministrazione Prade. “non ci pare pero’ che affermassimo cose terribili”, dice il Capogruppo Massaro, “era la semplice verita’, chiara alla gente già allora, ed oggi anche per gli stessi Consiglieri Comunali di Maggioranza”. “Attenzione pero'”, puntualizza Massaro, “che non ci divertiamo e non ci guadagniamo nulla a dire che non c’e’ maggioranza, ma abbiamo l’obbligo di denunciarlo perché vengono meno le certezze sulla direzione verso la quale si sta navigando. Non essendoci obiettivi chiari,  le attività produttive, i servizi e tutti i lavoratori stanno lavorando nel caos e sprecano energie e soldi senza conseguire alcun risultato. Ed oggi si vede questa sofferenza in vari settori”. Per Francesco Rasera Berna già il fatto che a chiedere la verifica di maggioranza sia un Presidente del Consiglio dimissionario da oltre un anno è piuttosto indicativo della situazione a Palazzo Rosso. “Ma il problema vero”, spiega, “è che così non va: Belluno ha iniziato a seguire le stesse dinamiche di tutto il nordest, ch

Jacopo Massaro
Jacopo Massaro

e vede le città lentamente scendere nelle classifiche della vivibilità. Belluno regge solo grazie alla differenziata, cioe’ grazie a quel settore tanto attaccato da Prade in campagna elettorale, ma alla fine sostenuto da parte della sua stessa amministrazione e che ora ci fa ritirare premi. Questo può anche starci, ma sono gli altri settori che ci preoccupano”. “Di certo non possiamo puntare tutto sul solo progetto per il Nevegal”, sostiene Attilio Sommavilla, “non solo perche’ la sua realizzazione guarda ai prossimi 5-10 anni, ma anche perche’ e’ stato votato da soli 17 consiglieri di maggioranza su 41, ed è passato, nonostante sia ancora in gran parte oscuro, solo grazie all’opposizione  (3 voti favorevoli e 11 astensioni). Questo mette in luce gli enormi limiti di sostegno che incassa da parte della stessa maggioranza che lo ha proposto, e lo rende traballante ed incerto”. Infine, una stoccata all’ultima paternale di Prade sul senso di responsabilità dell’opposizione: “fa bene il Sindaco a richiamarlo continuamente”, spiega Massaro, “perché ha evitato il caos. D’altronde senza un certo atteggiamento dell’opposizione non sarebbero passati né gli equilibri di bilancio, né il piano investimenti della NIS, né il progetto del Nevegal, né, infine, la famosa delibera sul lodo arbitrale, per la quale c’e’ lo stanziamento di bilancio da 7 anni, ma che Prade usa per fare le polemichette di contrapposizione tra vecchi partiti, come se interessassero a qualcuno. Pero’continuando così, cioè mettendo ogni giorno le logiche di gruppo o di partito al primo posto, non arriveremo da nessuna parte. E questo dispiace a tutti quelli che a Belluno ci tengono davvero”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Abbondanti precipitazioni da venerdì pomeriggio. Divieti di circolazione dei mezzi pesanti

Belluno, 3 dicembre 2020  - Si è riunito stamane, in videoconferenza, il Comitato Operativo Viabilità, con la presenza delle Forze dell’Ordine, dei Vigili del...

In arrivo 19 medici, 5 infermieri e 46 Operatori socio sanitari

Continua il rafforzamento dell’Ulss Dolomiti. Oggi sono stati assunti 46 OSS (Operatori Socio Sanitari) e sono stati conferiti incarichi libero professionali per l’emergenza COVID...

Spostamenti vietati tra comuni a Natale e Capodanno. De Carlo: “Discriminate le aree periferiche e montane. Il Governo riveda la norma”

“La chiusura dei confini comunali a Natale e Capodanno è una discriminazione verso le aree periferiche e montane. Il Governo riveda la norma e...

Verso un Natale e Capodanno blindati. Zaia: ” Chi vive a Milano o Roma è alla stessa stregua di chi vive in Comuni come...

Questa volta è un decreto legge con soli due articoli che lo stabilisce, blindato, come saranno blindate le nostre festività. In sintesi: Natale e Capodanno...
Share