13.9 C
Belluno
giovedì, Dicembre 3, 2020
Home Cronaca/Politica Sanità: approvato riparto fondo veneto 2010. All’Ulss 1 di Belluno 8 milioni...

Sanità: approvato riparto fondo veneto 2010. All’Ulss 1 di Belluno 8 milioni 293 mila euro e all’Ulss 2 di Feltre 1 milione 207 mila euro

La Giunta regionale del Veneto, nella sua seduta di oggi su proposta degli assessori Luca Coletto (sanità) e Remo Sernagiotto (sociale), ha approvato il riparto del fondo sanitario regionale 2010 tra le Ullss e Aziende ospedaliere della Regione per il finanziamento dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) determinati a livello nazionale. Il documento è stato trasmesso alla competente commissione del Consiglio regionale per l’acquisizione del previsto parere. La somma assegnata al Veneto, sulla base della ripartizione nazionale a suo tempo concordata in Conferenza Stato-Regioni, ammonta a 8 miliardi 137 milioni di euro. Il totale ripartito alle Ullss, detratte alcune poste in gestione accentrata regionale o destinate a obiettivi specifici, è di circa 7 miliardi 895 milioni di euro, contro i 7 miliardi 712 milioni del 2009. Degli 8 miliardi 137 milioni, 167 milioni sono stati riservati per attività e interventi svolte a livello accentrato regionale; 5 milioni sono stati accantonati per il progetto diabete; 21 milioni per costituire un fondo mirato ad incrementare la qualità assistenziale delle strutture, che sarà ripartito con successive deliberazioni. Il riparto contiene anche alcune ulteriori importanti voci specifiche: 76 milioni come fondo integrativo per aziende con funzioni ospedaliere a valenza provinciale o regionale; 43 milioni per sostenere i costi legati ai farmaci oncologici ad elevato costo. 10 milioni per lo sviluppo dell’assistenza territoriale di base; 85 milioni 759 mila euro per il finanziamento del fondo per le attività trasfusionali. Confermata la maggiorazione prevista per le cosiddette “aree disagiate” della montagna e della laguna. Prevista anche la quota di parte sanitaria del fondo per la non autosufficienza, pari a 668 milioni 450 mila euro. Nell’attribuzione delle risorse è stato adottato il criterio di riferirsi gradualmente ai costi sostenuti dalle migliori aziende sanitarie del Veneto, in modo che il finanziamento assegnato rappresenti per i dg un valore economico che consenta loro di gestire in equilibrio il sistema sanitario. “Con questo provvedimento – ha sottolineato Coletto – inizia una nuova fase della gestione delle risorse sanitarie, una cammino verso una sanità più efficiente e meno costosa, improntata al federalismo con una prima applicazione dei costi standard ed il progressivo abbandono del criterio della spesa storica; con un avvicinamento sostanzioso della quota pro capite tra le aziende con maggior costosità e le altre (il differenziale tra la quota più elevata e quella più bassa passa da 423 euro a 363); con un forte coinvolgimento dei dg nel programmare una riduzione dell’attuale costosità del sistema tramite l’individuazione dei costi obiettivo basati sulle migliori performance aziendali regionali; con una particolare attenzione al sistema dell’emergenza-urgenza su tutto il territorio regionale; con un’approfondita riflessione sulla programmazione ospedaliera definita con la delibera 3223 del 2002, rispetto alla quale dovranno essere attentamente valutate le funzioni non ancora attuate, così come andranno riverificate quelle già avviate ed in fase di rinnovo per accertare se siano ancora necessarie per assicurare i livelli di qualità richiesti dalla gente”. Proprio per proseguire il processo di progressiva riduzione del peso della spesa storica, non sono stati confermati nel 2010 il “fondo di affiancamento” ed il “fondo per l’innalzamento della quota pro capite minima per l’anno 2009”, introdotti con carattere di transitorietà nei riparti precedenti e finalizzati, rispettivamente, a garantire a tutte le aziende un incremento minimo rispetto al riparto precedente, ed una quota capitaria minima compatibile con le disponibilità complessive. Per supportare le aziende che con questo riparto non avrebbero ricevuto un finanziamento almeno pari a quello del 2009 e presentano situazioni economiche di squilibrio, sono state attribuite risorse integrative una tantum. In questo ambito, all’Ulss 1 di Belluno sono assegnati 8 milioni 293 mila euro; all’Ulss 2 di Feltre 1 milione 207 mila euro all’Ulss 12 Veneziana 5 milioni 676 mila euro; all’Ulss 18 di Rovigo 656 mila euro; all’Ulss 19 di Adria 3 milioni 697 mila euro. Per quanto riguarda le spese per investimenti, è stato rilevato che il loro peso economico e gli effetti sulla gestione corrente si stanno dimostrando particolarmente critici ed è pertanto indispensabile una nuova e più approfondita valutazione di tale tipologia di spesa. In attesa dell’approfondimento, che sarà compiuto dall’assessorato alla sanità, sono state assegnate risorse aggiuntive rispetto al riparto, a concorso degli oneri ad oggi assunti a bilancio per i project financing, all’Ulss 12 Veneziana (18 milioni) e all’Ulss 8 di Asolo (12 milioni).

Share
- Advertisment -

Popolari

Abbondanti precipitazioni da venerdì pomeriggio. Divieti di circolazione dei mezzi pesanti

Belluno, 3 dicembre 2020  - Si è riunito stamane, in videoconferenza, il Comitato Operativo Viabilità, con la presenza delle Forze dell’Ordine, dei Vigili del...

In arrivo 19 medici, 5 infermieri e 46 Operatori socio sanitari

Continua il rafforzamento dell’Ulss Dolomiti. Oggi sono stati assunti 46 OSS (Operatori Socio Sanitari) e sono stati conferiti incarichi libero professionali per l’emergenza COVID...

Spostamenti vietati tra comuni a Natale e Capodanno. De Carlo: “Discriminate le aree periferiche e montane. Il Governo riveda la norma”

“La chiusura dei confini comunali a Natale e Capodanno è una discriminazione verso le aree periferiche e montane. Il Governo riveda la norma e...

Verso un Natale e Capodanno blindati. Zaia: ” Chi vive a Milano o Roma è alla stessa stregua di chi vive in Comuni come...

Questa volta è un decreto legge con soli due articoli che lo stabilisce, blindato, come saranno blindate le nostre festività. In sintesi: Natale e Capodanno...
Share