13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 15, 2021
Home Cronaca/Politica Luca Zaia commissario per l'emergenza: fare presto, con trasparenza

Luca Zaia commissario per l’emergenza: fare presto, con trasparenza

Luca Zaia
Luca Zaia

“Abbiamo bisogno di tutti, soprattutto della stampa. Dobbiamo operare rapidamente, con assoluta trasparenza; gli aiuti dovranno andare quanto prima alle famiglie e alle imprese effettivamente danneggiate. Dobbiamo ritornare alla normalità e riattivare nel più breve tempo possibile il volano dell’economia dell’area del Veneto così pesantemente colpita”. Luca Zaia si è rivolto con queste parole ai rappresentanti dei mezzi di informazione, che ha incontrato oggi nella sede della Coldiretti Veneto nella sua nuova veste di Commissario delegato dal Presidente del Consiglio dei Ministri per il superamento dell’emergenza alluvione. L’Ordinanza affida al Commissario una serie di compiti, che vanno dalla ricognizione dei danni, al loro ristoro, all’adozione di tutte le iniziative volte a rimuovere le situazioni di rischio. In particolare, entro 45 giorni dovrà essere quantificato il fabbisogno per gli interveti effettuati, i danneggiamenti e la ripresa delle attività, indicati siti di stoccaggio di fanghi e detriti, pianificati gli interventi di mitigazione del rischio idraulico e geologico. I rimborsi saranno effettuati fino a 30 mila euro su presentazione di autodichiarazione e per somme superiori da dichiarazione giurata. In  tutto questo – ha sottolineato Zaia – conto sulla collaborazione di quelle persone eccezionali che sono i sindaci, mentre prepareremo subito un vademecum con facili istruzioni per tutti gli interessati. Avremo bisogno dell’aiuto dei giornalisti perché tutti sappiano cosa fare e come”.
La struttura del Commissario non costerà un euro: nulla è dovuto al Commissario mentre i componenti saranno dipendenti già in servizio; ogni quindici giorni circa verrà fatto uno “step” di rendicontazione. “Interpreterò appieno i poteri che mi sono stati conferiti” – ha sottolineato Zaia. Il fabbisogno finanziario si aggira sul miliardo di euro, dei quali una parte per ristorare gli alluvionati, una quota per il ripristino delle opere idrauliche danneggiate e il resto per la messa in sicurezza del territorio. Quanto ai problemi che potrebbero derivare da una crisi di governo, Zaia ha ricordato che, in ogni caso, il presidente Giorgio Napolitano ha garantito che si manterrà in contatto. Per questi eventi – ha concluso Zaia – i soldi non bastano mai e per questo invito ancora una volta i mezzi di informazione a divulgare di continuo, anche in prima pagina, il numero del sms della solidarietà: 45501. Ogni volta che un sms viene inviato al numero 45501, arrivano due euro per gli alluvionati del Veneto”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Malga Misurina, quale futuro? Lettera aperta della Cia Agricoltori al sindaco

Ill.mo Sig. Sindaco dott.ssa. Tatiana Pais Becher, Le scriviamo la presente in merito alle modalità con cui sono stati gestiti i rapporti e la riassegnazione del...

Giocavano a carte a porte chiuse in enoteca. Sanzionati dalla polizia

Giovedì sera alle 9, una Volante della Questura è intervenuta, su segnalazione, all'Enoteca Il Piacere di via Mezzaterra 94. Giunti sul posto gli agenti...

Veneto verso la zona arancione. Ecco le regole del nuovo Dpcm

Oggi 15 gennaio, si saprà la colorazione del Veneto (probabilmente rimarrà arancione) che il Ministero della Salute stabilirà sulla base delle soglie di accesso...

Ferri e Tacchinardi su Inter-Juventus

Domenica 17 gennaio alle 20.45 a San Siro si disputerà quella che è considerata la partita più importante del calcio italiano. Stiamo parlando di...
Share