13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 22, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Le opportunità e i dubbi sul Federalismo visto dalla parte delle imprese....

Le opportunità e i dubbi sul Federalismo visto dalla parte delle imprese. Domenica 21 alle 10 a Villa Carpenada il convegno di Ascom

Franco Debortoli presidente Ascom
Franco Debortoli presidente Ascom

“Federalismo, ci siamo? è un incontro il cui titolo nasce originariamente con il “punto “ finale – esordisce Franco Debortoli presidente Ascom Belluno nell’annunciare il convegno di domenica 21 mattina alle ore 10 al park Hotel Villa Carpenada – Solo successivamente abbiamo capito che è giusto porre il problema in chiave interrogativa, con il punto di domanda.” Infatti porre domande sul percorso di attuazione del Federalismo è la motivazione che ha spinto l’Associazione a invitare imprenditori e amministratori con l’intento dichiarato di esplicitare tutti gli interrogativi – ed a volte i dubbi – che ciascun cittadino ed impresa si pone di fronte a questo tema. “La gente e gli operatori economici del terziario della provincia di Belluno si chiedono se il percorso intrapreso avvicinerà davvero i centri decisionali ai problemi reali oppure se ad un centralismo romano se ne sostituirà uno veneziano.”
Non mancherà l’approfondimento del tema fiscale, perché l’aspettativa legata all’avvento del federalismo è quello di una sostanziale diminuzione del carico fiscale ed è viva la speranza della riduzione del gap competitivo tra il nostro territorio e la pianura.
Chiamati a rispondere a queste domande saranno alcuni personaggi di calibro. Il prof. Luca Antonini, costituzionalista dell’Università di Padova e autore di oltre un centinaio di saggi e scritti sulla materia, è infatti presidente della Commissione tecnica paritetica sul federalismo fiscale oltre ad essere stato tra i consulenti giuridici per la redazione dei provvedimenti legislativi sul federalismo.
Il dott. Gianangelo Bellati è direttore di Unioncamere Veneto e vanta una comprovata esperienza in ambito internazionale maturata anche attraverso esperienze lavorative alla Commissione Europea ed al Parlamento Europeo. Ha ricoperto diversi incarichi, tra i quali quello di responsabile dell’Eurosportello Veneto e dell’Agenzia di Promozione della Ricerca Europea (Sportello APRE). Interviene portando l’esperienza di studi compiuti nell’ultimo quinquennio quali “I costi del non federalismo”, Autonomia e Federalismo”, “Responsabilità e federalismo”. Uno sguardo più ampio dal punto di vista sociologico verrà portato dal prof. Paolo Feltrin, noto politologo e docente di Scienze dell’Amministrazione dell’Università di Trieste che, aldilà del dato tecnico giuridico, contribuirà a fornire una lettura del fenomeno in termini di capacità di risposta rispetto alle aspettative. Modererà l’incontro il giornalista Giuseppe Casagrande.
Ulteriori spunti, contributi, elementi utili per comprendere il tema sono disponibili sul sito appositamente predisposto www.ascombelluno.it/convegni/federalismo/

Share
- Advertisment -

Popolari

Rete elettrica. Incontro Provincia-Terna-ministro D’Incà. Padrin: «Chiediamo a Terna di conoscere i piani relativi all’intero Bellunese»

La Provincia di Belluno ha incontrato oggi i vertici di Terna, per continuare a ragionare dei miglioramenti infrastrutturali che riguardano le reti elettriche del...

Grandi opere. Padrin: «Belluno assente ma lavoriamo affinché le Olimpiadi risolvano i nostri gap». Bond: «Ennesima dimenticanza del Bellunese»

«Non posso dire di non essere sorpreso. Ma sicuramente le strategie relative alle Olimpiadi, pur non rientrando espressamente nella lista grandi opere per il...

Belluno, record di cassa integrazione. Paglini (Cisl): “A un passo dal baratro, serve un piano territoriale per l’occupazione e il rilancio”

"Eravamo preoccupati prima di leggere i dati, ma i numeri sono numeri e non lasciano spazio a interpretazioni: Belluno è la provincia veneta che...

Recovery Fund e Piano di Ripresa. 210 miliardi della UE da spendere e rendicontare entro il 2026. L’Italia sarà in grado? Probabilmente no

Il 2020 anno nefasto causa pandemia. Risalire si può, con le risorse UE (Recovery Fund e Piano di Ripresa e Resilienza Next Generation EU),...
Share