13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 15, 2021
Home Cronaca/Politica Alluvione in Veneto: Manzato chiede la solidarietà delle altre Regioni

Alluvione in Veneto: Manzato chiede la solidarietà delle altre Regioni

Franco Manzato assessore regionale
Franco Manzato assessore regionale

“Gli agricoltori veneti hanno bisogno subito di una mano, anzi di mille mani, diecimila. Chiedo per questo la solidarietà delle altre regioni e di tutto il mondo agricolo organizzato: in questo momento le nostre aziende hanno soprattutto bisogno di braccia, pale, badili, varechina, stracci. Dobbiamo ripulire, ripristinare, seppellire 200 – 300 mila capi di bestiame morti (prevalentemente avicoli e conigli, ma anche bovini e maiali), sgomberare ciò che l’acqua ha portato nei campi, nelle aie, nelle stalle e nelle case. Vogliamo tornare alla normalità”. E’ accorato l’appello dell’assessore all’agricoltura del Veneto Franco Manzato. Il Veneto si è rimboccato le maniche da subito, i veneti stanno lavorando ininterrottamente da una settimana per ripristinare una situazione ancora critica, con migliaia di ettari allagati: un nuovo mare a nord dell’Adige che centinaia di potenti idrovore non riescono ad asciugare con la rapidità che tutti avvertono, animali morti, scorte marcescenti, strutture danneggiate. “Ci serviranno anche sostanziosi interventi finanziari – ha aggiunto Manzato – un alleggerimento della fiscalità in un momento in cui i soldi servono ad altro, il reddito è azzerato e il pensiero corre al futuro, per compensare i danni che si valutano anche in campagna a centinaia di milioni. Ma questo è il momento della solidarietà che il mondo contadino ha nel suo DNA e sa esprimere con generosità, perché questa è la sua cultura. Chiedo alle altre Regioni, al mondo agricolo organizzato di aiutarci subito a superare lo shock. Le regioni si mettano d’accordo con le nostre strutture, le organizzazioni agricole con quelle venete, chi vuole spalare fango e carogne e ripulire ambienti dal fango, rimettere in funzione macchinari, può passare attraverso la Protezione Civile, oppure chiedere ai Sindaci o anche alle Parrocchie, che già si sono messe a disposizione per questo tipo di risposta. Ci serve gente che sappia cosa serve in questa situazione, magari proprio coloro che hanno già patito simili calamità, e che sanno bene cosa significhi un paio di braccia in più in questo momento”.
Domani, lunedì 8 novembre, alle 15, Manzato sarà nel municipio di Ospedaletto Euganeo, in provincia di Padova, dove incontrerà amministratori locali e imprenditori agricoli di tutte le province segnate dall’alluvione: Vicenza, Verona, Padova e Treviso.
“Emergenza Maltempo in Veneto – Ottobre 2010”, Conto corrente Unicredit Banca, codice IBAN: IT62D0200802017000101116078.

Share
- Advertisment -

Popolari

Somministrazione di bevande al banco. Sanzionato il Mary’s Bar di Sedico

Sedico, 15 gennaio 2020 - Nel primo pomeriggio di ieri, nel corso delle operazioni di controllo in collaborazione con la polizia locale, i carabinieri...

Malga Misurina, quale futuro? Lettera aperta della Cia Agricoltori al sindaco

Ill.mo Sig. Sindaco dott.ssa. Tatiana Pais Becher, Le scriviamo la presente in merito alle modalità con cui sono stati gestiti i rapporti e la riassegnazione del...

Giocavano a carte a porte chiuse in enoteca. Sanzionati dalla polizia

Giovedì sera alle 9, una Volante della Questura è intervenuta, su segnalazione, all'Enoteca Il Piacere di via Mezzaterra 94. Giunti sul posto gli agenti...

Veneto verso la zona arancione. Ecco le regole del nuovo Dpcm

Oggi 15 gennaio, si saprà la colorazione del Veneto (probabilmente rimarrà arancione) che il Ministero della Salute stabilirà sulla base delle soglie di accesso...
Share