13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 24, 2021
Home Prima Pagina Trichiana: continua la preparazione per uno switch off senza traumi della...

Trichiana: continua la preparazione per uno switch off senza traumi della tv digitale terrestre

Dopo l’ottimo risultato della serata informativa pubblica, promossa dall’Amministrazione comunale di Trichiana e dalla Comunità Montana Valbelluna, realizzata con il contributo del Consorzio dei Comuni del BIM Piave e del Centro Consorzi, tramite il Consorzio degli antennisti Digital Tech Concept, proseguono le attività preparatorie al momento dello spegnimento del segnale analogico a favore di quello digitale. Il cambio dovrebbe avvenire, si è detto, il 6 dicembre e da tempo in tutto il territorio provinciale si stanno realizzando occasioni informative per spiegare alla popolazione come prepararsi. In questo senso, il consorzio Digital Tech Concept offre ai cittadini, in estrema sintesi, la garanzia di antennisti seri, preparati e assicurati nello svolgimento del loro lavoro. Se è importante non essere impreparati e quindi può essere utile una verifica preventiva dello stato del proprio impianto, come si è detto nella serata informativa del 7 ottobre e come è stato ribadito al convegno tenutosi sabato a Longarone Fiere, è altrettanto vero che soprattutto gli anziani, soprattutto quelli che vivono soli, potrebbero trovarsi in difficoltà, al momento del passaggio al digitale. Per questo l’Amministrazione comunale, con il supporto del consorzio Digital Tech Concept, intende promuovere la costituzione di squadre di volontari che, previa formazione di una serata, avranno il compito di aiutare gratuitamente gli anziani e altre persone in difficoltà, per la prima sintonizzazione dei decoder qualora ci fossero problemi nei giorni dello switch off. “Chiedo ai cittadini di Trichiana di prendere in considerazione questa opportunità dalla duplice valenza” – commenta il Sindaco del Comune di Trichiana, Giorgio Cavallet. “Da un lato, chi darà la propria disponibilità a far parte della squadra dei volontari potrà condividere un ulteriore momento formativo importante e qualificante, dopo quello pubblico; dall’altro, cosa più importante, potrà rendersi utile, con un po’ del proprio tempo, in un importante servizio sociale alla comunità. Mi auguro che saranno in tanti a dare la loro disponibilità”. Per dare la propria adesione ed entrare a far parte della squadra dei volontari basta rivolgersi al seguente recapito, compilando l’apposito modulo (scaricabile anche da Internet, all’indirizzo www.comune.trichiana.bl.it):
Ufficio Amministrativo Servizi Sociali – Primo piano del Municipio (da lunedì a venerdì, 8.30 – 10.30; martedì e giovedì, anche 15 – 17), telefono 0437 556215 – email: pagamenti.trichiana@valbelluna.it
Il modulo potrà anche essere consegnato all’Ufficio Protocollo, al piano terra del Municipio, entro il 12 novembre prossimo. Successivamente, i volontari saranno contattati dagli uffici comunali, sia per l’appuntamento formativo che per le modalità operative del periodo di attività. Maggiori informazioni potranno essere chieste anche all’Ufficio Servizi Sociali, soprattutto per le persone seguite dall’assistenza domiciliare (telefono 0437 556241, lu, me, ve 8.30 – 10.30; ma e gio 15 – 17).

Share
- Advertisment -

Popolari

Incidente all’ambulanza del Suem

Ponte nelle Alpi, 24 gennaio 2021 - Alle 9:30 di questa mattina i vigili del fuoco sono intervenuti lungo la SS 51 in via...

Ricognizione sul territorio. Padrin: «Il problema maggiore riguarda le risorse; le nevicate hanno esaurito i budget dei Comuni montani»

Dopo l'ultimo episodio di maltempo, la Provincia ha voluto capire quale fosse la situazione sul territorio. Soprattutto in montagna, dove sono caduti dai 30...

Una task force di medici e amici del Rotary per sconfiggere il Covid-19

Sono oltre un centinaio i soci del Rotary del Triveneto, medici e non solo, che hanno aderito ad End Covid Now, offrendo la propria...

Covid, “zona Sudtirol”. Bond (FI): «Bolzano ancora una volta fa quello che vuole. Assurdo, soprattutto per i territori contermini»

«Il governo sa che oltre a rossa, arancione e gialla esiste anche la "zona Sudtirol"? E lo sa che a Bolzano fanno quello che...
Share