13.9 C
Belluno
domenica, Settembre 20, 2020
Home Cronaca/Politica Giovani in agricoltura: altri 24 milioni di contributi per il primo insediamento

Giovani in agricoltura: altri 24 milioni di contributi per il primo insediamento

Franco Manzato assessore regionale
Franco Manzato assessore regionale

La Giunta veneta mette a disposizione altri 24 milioni di euro per il primo insediamento di giovani in un’azienda agricola; un quarto del finanziamento previsto sarà riservato alle zone montane. Una specifica proposta di bando è stata adottata ieri su iniziativa dell’assessore Franco Manzato. Il documento passerà ora all’esame della competente Commissione Consigliare prima della definitiva approvazione. “In sostanza – ha spiegato Manzato – il provvedimento prevede l’apertura dei termini per la presentazione, fino a tutto 28 febbraio 2011, delle domande sulla Misura 112 “Insediamento di giovani agricoltori” del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 con l’attivazione del cosiddetto ‘Pacchetto Giovani B’. Avepa dovrà concludere l’istruttoria e approvare le graduatorie entro il 31 maggio successivo. Le richieste potranno essere presentate dopo l’approvazione definitiva e la pubblicazione del Bando, acquisito il parere della Commissione consiliare”. “L’insediamento di giovani nell’attività agricola – ha aggiunto Manzato – è strategico per sviluppare la futura agricoltura del Veneto, chiamata ad affrontare sfide mondiali sempre più difficili. Non è solo un problema di ricambio generazionale, ma di più rapido adattamento a nuove esigenze, dove qualità, tipicità, organizzazione dell’offerta, politiche di filiera costituiscono per l’agricoltura veneta le chiavi per un maggiore valore aggiunto in termini di competitività e di economia”. A questo proposito, il PSR del Veneto prevede, con il “Pacchetto Giovani” l’attivazione contemporanea di più misure, coordinate e rese coerenti nel Piano aziendale. L’obiettivo è di sostenere la fase di avvio della nuova impresa favorendone l’assestamento strutturale iniziale, in modo da garantire la permanenza dei giovani nelle aree rurali, soprattutto montane; incrementare il numero delle imprese condotte da giovani; migliorare l’efficienza del sistema e l’integrazione nel territorio e nella società; consolidare e diffondere imprese leader qualificate. “Con lo scorso Bando – ha concluso Manzato – abbiamo dato una risposta positiva all’80 per cento delle domande presentate dai giovani agricoltori nelle zone montane o riferibili al settore lattiero caseario e al 54 per cento delle richieste formulate per la pianura, con una crescita sostanziale del numero e della percentuale dei beneficiari: in pratica 292 aziende condotte da giovani imprenditori su un insieme di 480 domande ammesse”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Esercitazione dei vigili del fuoco ad Alleghe

Oltre 60 vigili del fuoco, tra permanenti e volontari, con 20 automezzi l’elicottero Drago 71 e personale del centro telecomunicazioni regionale, hanno preso parte...

Riapre la caccia, ma c’è ancora illegalità in Italia. Il caso del Veneto

Pubblicato l'annuale rapporto del CABS sui reati venatori. Lo studio prende in esame le comunicazioni istituzionali delle forze dell'ordine, stampa accreditata, interventi delle Guardie...

Elezioni 2020. Regionali, referendum sul taglio dei parlamentari, suppletive Senato, Comuni. Affluenza, exit poll e risultati

Urne aperte domenica 20 settembre dalle 7 alle 23, e domani lunedì dalle 7 alle 15 per il voto del referendum costituzionale sul taglio...

Interventi di soccorso domenica e sabato sera a Cortina

Rocca Pietore (BL), 20 - 09 - 20 Alle 17.15 circa la Centrale del 118 è stata allertata da due alpinisti in difficoltà sulla...
Share