13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 19, 2021
Home Cronaca/Politica Eliosoccorso: Belluno, Trento e Bolzano verso procedure condivise

Eliosoccorso: Belluno, Trento e Bolzano verso procedure condivise

Procedure condivise, analoga gestione nelle operazioni di emergenza, impiego di tecnici del Soccorso alpino, sono alcuni dei temi di cui si è discusso nei giorni scorsi a Cortina, dove si è tenuto il primo incontro del gruppo di lavoro interprovinciale di elisoccorso che, due volte all’anno, riunirà il personale operativo delle province di Belluno, Trento e Bolzano, con l’obiettivo di migliorare tempestività e qualità del servizio. L’appuntamento è stato inoltre un primo passo per sottolineare ancor più, a livello locale e nazionale, l’importante ruolo acquisito negli anni dall’elisoccorso, divenuto un presidio indispensabile nell’intero arco alpino, e soprattutto nelle Dolomiti, per vigilare su salute e sicurezza dei cittadini residenti e degli ospiti del
territorio montano.  Si è tenuta a Cortina d’Ampezzo, nela sala cultura “Don Pietro Alverà” gentilemte fornita dall’amministrazione comunale, la prima riunione del gruppo di lavoro interprovinciale di elisoccorso, su
iniziativa del Suem 118 di Belluno e della II Delegazione del Cnsas, Copro nazionale soccorso alpino e speleologico, Dolomiti Bellunesi. “L’iniziativa mira a riunire i responsabili tecnici ed operativi dei
servizi di elisoccorso della provincia di Belluno, Bolzano e Trento – spiega il primario del Suem di Pieve di Cadore Giovanni Cipolotti – per uniformare e standardizzare le procedure di intervento delle missioni di
elisoccorso nelle aree confinanti o effettuate a supporto di provincie limitrofe”. Alla prima riunione erano presenti rappresentati del servizio di elisoccorso della provincia di Bolzano e dell’Aiut Alpin Dolomites, della
provincia di Trento, del Cnsas di Belluno, Trento e Bolzano, con il coordinamento del Suem di Belluno.
Sono state delineate ed affrontate alcune criticità, come ad esempio: modalità di collegamenti radio fra elicottero e centrali operative, standardizzazione delle coordinate geografiche necessarie per l’identificazione dell’area di intervento, orari di operatività e allertamento delle basi limitrofe per interventi da effettuarsi all’alba o al tramonto, a supporto delle zone non coperte dall’elisoccorso in tale fascia oraria. E ancora, impiego dei tecnici di elisoccorso e volontari del Cnsas per interventi in aree di confine e analisi comparativa dei protocolli di gestione dei soccorsi in caso di valanga. “La discussione e il confronto hanno permesso di raccogliere i contributi dei vari servizi, che porteranno alla stesura di procedure condivise necessarie per migliorare tempestività e qualità del servizio reso ai residenti e frequentatori della montagna – conclude Cipolotti – sono stati delineati inoltre altri temi di discussione e confronto, quali la scelta di criteri di utilizzo del servizio, che devono esssere il piu’ possibile condivisi, la ricerca di uniformità nella raccolta dei dati statistici e la verifica dei criteri di compensazione economica e addebito per i soccorsi non sanitari. Tali argomenti saranno affronati nella prossima riunione del gruppo di lavoro, programmata a Trento per il maggio 2011”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Ancora bloccato l’appalto della galleria Pala Rossa tra Primiero e il Feltrino

La Comunità di Primiero e i Comuni del territorio scrivono alla Regione Veneto, alla Provincia di Trento, alla Provincia di Belluno e agli Enti...

Campi fotovoltaici sulle discariche dismesse. L’idea green di Legambiente favorita anche dal Recovery Fund

Cosa si potrebbe fare sulle superfici, teoricamente inutilizzabili, delle discariche sature, come ad esempio quella di Belluno in località Cordele, in via del Boscon,...

Vaccino anti covid. Settimana riservata alle seconde dosi

La Pfizer ha comunicato che, per il potenziamento della produzione di vaccini anti covid, lo stabilimento di Puurs in Belgio non riesce a consegnare...

Covid. Il direttore generale Ulss scrive alla Provincia. Padrin: «Intravvediamo la luce in fondo al tunnel. Ma vietato abbassare la guardia»

Belluno, 18 gennaio 2021 - Questa mattina il presidente della Provincia, Roberto Padrin, ha ricevuto una lettera dal direttore generale dell'Ulss 1 Dolomiti Adriano...
Share