13.9 C
Belluno
sabato, Maggio 8, 2021
Home Cronaca/Politica La giunta veneta approva l'assestamento di bilancio

La giunta veneta approva l’assestamento di bilancio

Roberto Ciambetti
Roberto Ciambetti

Palazzo Ferro Fini sede del Consiglio Regionale del Veneto
Palazzo Ferro Fini sede del Consiglio Regionale del Veneto

“Una manovra di assestamento che testimonia da una parte gli equilibri del bilancio della Regione Veneto e dall’altra la consapevolezza della Giunta di dover far fronte ad una situazione di crisi generale che inevitabilmente influenza anche i conti pubblici”. Con questa valutazione di carattere generale, l’assessore regionale Roberto Ciambetti ha comunicato l’approvazione nell’odierna seduta di Giunta dell’assestamento di bilancio. Due, fondamentalmente, le linee di intervento: una finalizzata al recupero di risorse per ripianare il disavanzo dell’Arpav (5,1 milioni di euro), per interventi a sostegno di alcuni enti culturali veneti (1 milione di euro alla Biennale di Venezia e 1,8 milioni di euro ciascuno alle Fondazioni Arena di Verona e Teatro la Fenice di Venezia), per finanziare il trasporto pubblico locale su gomma e acqueo (4 milioni di euro); la seconda, più rilevante sul piano quantitativo ma anche strategico, di accantonamento di 35 milioni di euro per costituire un fondo di garanzia, insieme a Veneto Sviluppo, Confidi e banche, per favorire l’accesso al credito delle imprese.
“A quest’ultima cifra – ha spiegato Ciambetti –, già oggi considerevole date le note ristrettezze di bilancio, prevediamo di aggiungere nel 2011 ulteriori 15 milioni di euro, costituendo in tal modo un fondo di 50 milioni, che potranno innescare un volano di oltre 2,5 miliardi di euro di mutui che consentiranno al sistema delle imprese del veneto di disporre di una boccata di ossigeno ma anche di avviare una nuova stagione di investimenti. A queste risorse, poi, si aggiungeranno anche quelle degli altri soggetti pubblici e privati che partecipano all’operazione: è difficile oggi definire l’ammontare complessivo, ma è ragionevole prospettare che l’intero fondo di garanzia movimenterà prestiti per circa 4 miliardi di euro”.
Ciambetti ha spiegato che questi 35 milioni derivano dai tagli effettuati, in misura variabile tra il 10% e il 13%, sui capitoli di spesa di ciascun assessore. “Si tratta di risorse che, per motivi diversi, difficilmente avrebbero potuto essere impegnate entro quest’anno – ha continuato l’assessore – e che comunque, con grande senso di responsabilità, ogni componente della Giunta ha messo a disposizione per garantire un sostegno alla nostra economia, alle nostre aziende e rilanciare l’occupazione. Lo avevamo detto e abbiamo mantenuto l’impegno: se sacrifici si debbono fare, questi servano per dare una prospettiva al sistema veneto di uscire dalla crisi”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Efficientamento energetico, dissesto idrogeologico e sicurezza stradale. Belluno, Zoppè e Limana assegnatari di 384.640 euro

Belluno, Zoppè di Cadore e Limana sono i tre comuni del Bellunese tra i primi assegnatari dei fondi del Bando per l'efficientamento energetico. Secondo...

Fondo per i comprensori sciistici. De Carlo: “Soddisfatti, ma il provvedimento è troppo sbilanciato verso il Trentino Alto Adige”

“Abbiamo cercato di migliorare il Fondo per la montagna previsto dal Decreto Sostegni, provando a riequilibrare la ripartizione delle risorse su tutte le regioni,...

Fitoche, un progetto per salvare la montagna veneta, gli allevamenti e le produzioni

Il presidente Floriano De Franceschi: "un'iniziativa trasversale, con partner i cinque caseifici veneti di montagna, gli allevamenti ed il mondo della ricerca universitaria" Vicenza, 7...

Nuovo punto vaccinale a Sedico con Luxottica

Belluno, 7 maggio 2021 – L’Ulss Dolomiti, Comune di Sedico e Luxottica hanno definito congiuntamente un percorso collaborativo per attivare un nuovo Centro vaccinale...
Share